Il sito ufficiale del calcio europeo

Kozák “cecchino”, la Lazio vola ai quarti

Pubblicato: Giovedì, 14 marzo 2013, 21.15CET
S.S. Lazio-VfB Stuttgart 3-1 (and. 2-0)
Dopo aver vinto in Germania, i Biancocelesti si ripetono in un Olimpico a porte chiuse ed eliminano lo Stoccarda: decide la tripletta dell’attaccante ceco, neo-capocannoniere del torneo.
di Francesco Corda
da Stadio Olimpico
Kozák “cecchino”, la Lazio vola ai quarti
Libor Kozák (S.S. Lazio) ©AFP/Getty Images

Statistiche partite

LazioStuttgart

Gol segnati3
 
1
Possesso (%)0
100
Tiri totali11
 
16
in porta6
 
8
fuori5
 
8
Bloccati0
 
0
sui legni0
 
0
Calci d'angolo4
 
8
Fuorigioco2
 
1
Cartellini gialli1
 
2
Cartellini rossi0
 
0
Falli commessi12
 
11
Falli subiti11
 
12

Classifiche

Pubblicato: Giovedì, 14 marzo 2013, 21.15CET

Kozák “cecchino”, la Lazio vola ai quarti

S.S. Lazio-VfB Stuttgart 3-1 (and. 2-0)
Dopo aver vinto in Germania, i Biancocelesti si ripetono in un Olimpico a porte chiuse ed eliminano lo Stoccarda: decide la tripletta dell’attaccante ceco, neo-capocannoniere del torneo.

La S.S. Lazio completa l’opera contro il VfB Stuttgart e diventa la prima squadra italiana a conquistare i quarti di finale di UEFA Europa League. Dopo il 2-0 conquistato in Germania, i Biancocelesti si impongono 3-1 in un Olimpico a porte chiuse: a decidere il ritorno degli ottavi è la tripletta di Libor Kozák, neo-capocannoniere del torneo con 8 reti, mentre il gol dei tedeschi porta la firma dell’ungherese Tamás Hajnal.

La squadra di Vladimir Petković, in difficoltà in campionato, si conferma mortifera in Europa, dove la sua imbattibilità arriva a dodici partite. Un risultato meritato e frutto di due prestazioni convincenti, che hanno consentito alla Lazio di eliminare un’altra protagonista della Bundesliga dopo il Borussia Mönchengladbach nel turno precedente. I Biancocelesti possono così festeggiare il ritorno tra le “magnifiche otto” di una manifestazione europea, dieci anni dopo aver raggiunto la semifinale di Coppa UEFA nel 2002/03 contro il FC Porto.

Senza lo squalificato Lorik Cana e l’infortunato André Dias, Petković rivoluziona la formazione sconfitta 2-0 domenica sera dall’ACF Fiorentina: ben sei i volti nuovi, gli unici confermati – insieme al portiere Federico Marchetti – sono Bruno Pereirinha, Ștefan Radu, Hernanes e Senad Lulić.

Turnover anche per Bruno Labbadia, che cambia per cinque undicesimi la squadra battuta in casa dall’Hamburger SV. In difesa, sugli esterni, Gōtoku Sakai e Cristian Molinaro rimpiazzano Antonio Rüdiger e Arthur Boka, mentre William Kvist, Ibrahima Traorè e Martin Harnik lasciano il posto a Federico Macheda, Shinji Okazaki e Hajnal.

I tedeschi partono forte e in apertura Marchetti è costretto a deviare in corner il bolide dalla distanza di Raphael Holzhauser. Ma è un fuoco di paglia, perché al 6’ i Biancocelesti sono già in vantaggio: sul cross dalla sinistra di Radu, la difesa dello Stoccarda si addormenta e Kozák sotto misura non ha difficoltà a insaccare.

La qualificazione per i Biancocelesti è ormai in cassaforte, ma tre minuti dopo la squadra di Petković chiude definitivamente ogni discorso. Hernanes mette in movimento Kozák, che brucia Georg Niedermeier e supera ancora Sven Ulreich con un destro secco, che batte sulla traversa e si insacca.

I padroni di casa giocano ormai sul velluto, due punizioni di Hernanes e Antonio Candreva testano i riflessi del portiere dello Stoccarda che riesce a limitare i danni. Si va all’intervallo sul 2-0, dopo l’ingresso in campo del portiere di riserva Albano Bizzarri al posto dell’infortunato Marchetti, ko dopo uno scontro con Vedad Ibišević.

Il numero 1 argentino è bravo a inizio ripresa prima su Sakai e poi su Holzhauser; ma al 62’ è costretto a capitolare sulla conclusione di Hajnal, che manda il pallone all’angolino dopo una respinta corta di Kozák sul cross di Sakai. Bizzarri si riscatta con uno splendido riflesso sul tiro di Christian Gentner, poi inizia la girandola delle sostituzioni.

Niedermeier sfiora il 2-2, ma all’86’ è Kozák – che prima aveva fallito una clamorosa occasione – a realizzare il 3-1 con un colpo di testa in tuffo sul cross di Candreva. L’attaccante ceco realizza così l’ottavo gol in UEFA Europa League e diventa capocannoniere del torneo superando Édinson Cavani. La Lazio, invece, conquista l’ottava vittoria su dodici partite europee e vola ai quarti.

Ultimo aggiornamento: 25/09/14 3.59CET

Informazioni collegate

Profili giocatori
  • SSI Err
  • SSI Err
Federazioni nazionali
  • SSI Err
  • SSI Err
Profili squadre
  • SSI Err
  • SSI Err
Partita collegata
  • SSI Err

http://it.uefa.com/uefaeuropaleague/season=2013/matches/round=2000358/match=2010078/postmatch/report/index.html#kozak+cecchino+lazio+vola+quarti

Formazioni

lazio

Lazio

stuttgart

Stuttgart

22
MarchettiFederico Marchetti (PO)
Substitution43
1
UlreichSven Ulreich (PO)
2
CianiMichaël Ciani
2
SakaiGotoku Sakai
6
MauriStefano Mauri (C)
Substitution65
5
TasciSerdar Tasci (C)
8
HernanesHernanes
Substitution74
6
NiedermeierGeorg Niedermeier
17
PereirinhaBruno Pereirinha
9
IbiševićVedad Ibišević
Yellow Card10
18
KozákLibor Kozák
Goal6
Goal8
Goal87
20
GentnerChristian Gentner
19
LulićSenad Lulić
21
MolinaroCristian Molinaro
20
BiavaGiuseppe Biava
Yellow Card82
26
HolzhauserRaphael Holzhauser
23
OnaziOgenyi Onazi
30
HajnalTamás Hajnal
Yellow Card16
Goal62
Substitution74
26
RaduŞtefan Radu
31
OkazakiShinji Okazaki
87
CandrevaAntonio Candreva
93
MachedaFederico Macheda
Substitution64

sostituti

1
BizzarriAlbano Bizzarri (PO)
Substitution43
22
ZieglerMarc Ziegler (PO)
4
CreccoLuca Crecco
3
Felipe LopesFelipe Lopes
7
EdersonEderson
Substitution74
4
KvistWilliam Kvist
15
GonzálezÁlvaro González
7
HarnikMartin Harnik
Substitution74
24
LedesmaCristian Ledesma
Substitution65
16
TraoréIbrahima Traoré
Substitution64
38
CataldiDanilo Cataldi
23
HooglandTim Hoogland
99
FloccariSergio Floccari
24
RüdigerAntonio Rüdiger

Allenatore

Vladimir Petković (SUI) Bruno Labbadia (GER)

Arbitro

Tom Harald Hagen (NOR)

Assistenti

Dag-Roger Nebben (NOR), Sven Erik Midthjell (NOR)

Quarto arbitro

Svein Inge Wiken (NOR)

Assistenti arbitrali aggiunti

Dag Vidar Hafsås (NOR), Svein-Erik Edvartsen (NOR)

Legenda:

  • RetiReti
  • AutogolAutogol
  • RigoriRigori
  • Rigori sbagliatiRigori sbagliati
  • reds_cardCartellini rossi
  • yellow_cardsCartellini gialli
  • yellow_red_cardsDoppia ammonizione
  • SostituzioneSostituzione