Il sito ufficiale del calcio europeo

Una Spagna travolgente fa la storia

Pubblicato: Domenica, 1 luglio 2012, 18.29CET
Spagna - Italia 4-0
La Spagna passa due volte già nel primo tempo contro una stanca Italia e nel finale di gara Torres e Mata scavano il fossato tra le squadre, con la Roja che bissa il titolo del 2008. 
di Michele Weiss
da Stadio Olimpico di Kiev

Questo contenuto è trasmesso in streaming in modo tale da risultare protetto e disponibile solo con il formato Flash. Il tuo dispositivo non sembra essere compatibile con il nostro video player Flash.

Statistiche partite

SpagnaItalia

Gol segnati4
 
0
Possesso (%)52
 
48
Tiri totali14
 
11
in porta9
 
6
fuori5
 
5
Bloccati0
 
0
sui legni0
 
0
Calci d'angolo3
 
3
Fuorigioco3
 
3
Cartellini gialli1
 
1
Cartellini rossi0
 
0
Falli commessi17
 
10
Falli subiti9
 
17

Classifiche

 
Pubblicato: Domenica, 1 luglio 2012, 18.29CET

Una Spagna travolgente fa la storia

Spagna - Italia 4-0
La Spagna passa due volte già nel primo tempo contro una stanca Italia e nel finale di gara Torres e Mata scavano il fossato tra le squadre, con la Roja che bissa il titolo del 2008. 

La Spagna straripa solo nel finale di UEFA EURO 2012 contro una stanca Italia ridotta in dieci per l'infortunio di Thiago Motta, con Fernando Torres e Juan Mata, dopo i due gol nel primo tempo di David Silva e e Jordi Alba. Gli iberici bissano così il titolo del 2008 (mai accaduto) vincendo anche il terzo torneo maggiore di fila e ottenendo la vittoria più ampia in finale nella storia della competizione.

L'Italia crede nella prima gioia europea dopo 44 anni, la Spagna punta al record della terza vittoria di fila in tre tornei maggiori: allo Stadio Olimpico di Kiev c'è tutto per un eccezionale ultimo atto tra due grandi squadre che, oltre tutto, si conoscono alla perfezione essendosi già scontrate nel girone (1-1 il risultato, con reti di Antonio Di Natale e Cesc Fàbregas: unico gol subito dai campioni in carica finora in tutto il torneo).

Il Ct Cesare Prandelli ripropone Ignazio Abate sulla destra e conferma la squadra che ha liquidato la Germania, con Riccardo Montolivo a cucire dietro ad Antonio Cassano e Mario Balotelli. Spagna al solito con l'amletico dubbio della vigilia tra vero e 'falso' centravanti: e Vicente del Bosque opta per la seconda ipotesi, scegliendo il numero 10 dell'FC Barcelona e schierando così l'identico 11 dell'esordio contro gli Azzurri. Attesa anche per il duello Andrea Pirlo-Xavi in mezzo.

Grande spettacolo con la cerimonia di chiusura e sugli spalti, con folta rappresentanza spagnola. L'Italia parte all'attacco, mostrandosi concentrata e aggressiva, mentre la Spagna fatica un po' a trovare il palleggio, marchio di fabbrica de La Roja ma è sua la prima occasione, con un bolide di Xavi dal limite che sorvola la traversa non di molto.

La Spagna prova a prendere le redini in mano, dando l'impressione di essere più fresca, e David Silva (secondo gol a EURO per lui) la porta in vantaggio al 14', spedendo in rete di testa su un'incursione di Fàbregas, con la difesa azzurra un po' sorpresa. L'Italia, per la prima volta sotto nel torneo si lancia subito in avanti, ottenendo una serie di corner pericolosi, ma quando la Spagna riparte fa paura.

Tegola Italia al 21', con Giorgio Chiellini che si fa male di nuovo e viene rimpiazzato da Federico Balzaretti, Gerard Piqué usa invece le maniere forti con Antonio Cassano – per ora in ombra così come Balotelli – e riceve il primo giallo della gara. Il numero 10 azzurro ha una chance in area ma conclude debolmente in porta e il capitano spagnolo controlla senza problemi.

Gli Azzurri s'impegnano molto ma si vede che le energie latitano e il gioco non decolla. Fantantonio ci prova ancora dalla distanza e questa volta Casillas deve sudare di più respingendo con i pugni. La partita vive però la sua svolta a pochi minuti dalla fine del tempo, con Jordi Alba che raddoppia a tu per tu con Gianluigi Buffon imbeccato superbamente da Xavi: la Spagna va a bere il tè in vantaggio di due reti.

Nella ripresa entra Antonio Di Natale per Cassano, e proprio Totò sbaglia subito una grande occasione, sparando addosso a Casillas a pochi metri dalla porta ciccando poi la ribattuta. L'Italia ora lascia ampi spazi e la sensazione è che la Spagna possa approfittarne.

Prandelli mette Thiago Motta per uno stanco Montolivo, e del Bosque Pedro Rodríguez al posto di Silva per provare a chiudere i giochi. Poi entra in scena anche la cattiva sorte, quando l'italo-brasiliano appena entrato si infortuna e lascia la squadra in dieci per buona parte della ripresa avendo il Ct già esaurito tutti i cambi.

Forti del vantaggio numerico gli spagnoli prendono il comando delle operazioni senza affondare troppo a dire il vero, con Xavi che orchestra la squadra a meraviglia deliziando la platea con tocchi sopraffini. Staffetta spagnola al 75' con Fernando Torres che entra in campo al posto di Fabregas per partecipare alla festa.

L'Italia senza più benzina e in inferiorità numerica è costretta ad assistere al tikitaka degli avversari, ma la Spagna non si accontenta e arriva il terzo gol proprio con il subentrato Torres che infila Buffon punendo un insolito errore di Pirlo in palleggio. L'Italia sprofonda nel baratro quando Juan Mata appena entrato segna anche il quarto gol, dando al trionfo spagnolo le dimensioni del record, essendo la più larga vittoria di sempre in una finale europea.

Finisce così, con la Spagna che difende per la prima volta nella storia il titolo, centra lo storico triplete e gela un'Italia arrivata senza forze alla finale. 

Ultimo aggiornamento: 26/10/12 15.57CET

http://it.uefa.com/uefaeuro/season=2012/matches/round=15175/match=2003351/postmatch/report/index.html#una+spagna+travolgente+storia

  • © 1998-2013 UEFA. Tutti i diritti riservati.
  • La parola UEFA, il logo UEFA e tutti i marchi che si riferiscono a competizioni UEFA, sono marchi registrati e/o copyright della UEFA. Tali marchi non possono essere utilizzati in nessun modo per scopi commerciali. L'utilizzo di UEFA.com sta a significare l'accettazione dei Termini e Condizioni e delle Norme sulla Privacy.