Il sito ufficiale del calcio europeo

2008: Alla fine è Spagna

2008: Alla fine è Spagna
Luis Aragonés (Spain) ©Getty Images

Il digiuno di titoli della Spagna durato 44 anni si interrompe a UEFA EURO 2008™ con le Furie Rosse di Luis Aragonés meritatamente sul tetto d’Europa battendo 1-0 la Germania in finale.

Il gol decisivo porta la firma di Fernando Torres, bravo a saltare Philipp Lahm in velocità e a beffare con un morbido tocco Jens Lehmann in uscita. La Spagna riusciva finalmente là dove molte generazioni di campioni avevano fallito: esprimere compiutamente il proprio potenziale. Molti meriti vanno ascritti ad Aragonés, capace di creare un ambiente sereno in un gruppo di grande talento. La Spagna è risalita sul tetto d’Europa dopo il titolo conquistato nel 1964 sfoggiando una manovra rapida e fatta di passaggi precisi.

Se a dettare i ritmi in mezzo al campo ci pensano la fantasia e le geometrie di Xavi Hernández e Andrés Iniesta, il compito di concretizzare davanti spetta alla coppia David Villa-Torres. La Spagna aveva messo in chiaro le proprie intenzioni da subito, vincendo 4-1 all’esordio contro la Russia nel Gruppo D. Villa, futuro capocannoniere del torneo, firmava una tripletta. Ancora Villa e Torres andavano a segno nel 2-1 alla Svezia. L’ultima partita del girone contro la Grecia campione d’Europa in carica terminava con lo stesso punteggio. L’ottimismo si trasformava definitivamente in entusiasmo dopo il successo ai calci di rigore contro gli Azzurri campioni del mondo nei quarti.

La Spagna non è stata l’unica squadra a impressionare in un torneo che ha visto i reparti d’attacco dominare le difese. L’Olanda aveva infatti sconfitto nettamente e in successione 3-0 l’Italia e 4-1 la Francia nelle prime due gare del Gruppo C. La squadra di Marco van Basten veniva però battuta dalla Russia di Guus Hiddink, 3-1 ai supplementari con Andrei Arshavin in particolare evidenza. La cavalcata dei russi si interrompeva bruscamente a Vienna per mano della Spagna: 3-0.

I due paesi organizzatori, Svizzera e Austria, non superavano la fase a gironi, mentre la Germania non aveva problemi di ambientamento. La squadra di Joachim Löw iniziava battendo 2-0 la Polonia, ma subiva una battuta d’arresto contro la Croazia, prima di battere 1-0 l’Austria in un’ultima gara emozionante. Dopo una fase a gironi non troppo brillante la Germania cambiava marcia nei quarti di finale: avanti 2-0 dopo 26 minuti contro il Portogallo e infine vittorioso 3-2. Ancora emozioni e un successo sul filo di lana contro la Turchia in semifinale.

La squadra di Fatih Terim era stata protagonista di successi in extremis contro Svizzera, Repubblica Ceca e Croazia nel cammino verso la semifinale. A Basilea, però, era la Germania a spuntarla al 90’ con un gol di Lahm. Il terzino tedesco doveva tuttavia arrendersi in finale alla velocità di Torres, servito da Xavi, che coronava un mese straordinario per la squadra di Aragonés.

Ultimo aggiornamento: 08/12/13 7.37CET

http://it.uefa.com/uefaeuro/season=2008/overview/index.html#2008+alla+fine+spagna

2008

Austria-Svizzera

SpagnaSpagna

La finale - 29/06/2008

Lo sapevi che?

Altre curiosità
1 di 10

Il giocatore

1 di 2

Squadra del Torneo

 

Nello stesso anno

Coppa dei Campioni: Manchester United FC (1-1, 6-5 ai rigori contro il Chelsea FC)

Calciatore Europeo dell'Anno: Cristiano Ronaldo (Manchester United FC)

Vincitore Eurovision Song Contest: Dima Bilan (Russia) con la canzone Believe

Scarpa d'Oro: Cristiano Ronaldo (Manchester United FC)

Vincitore Premio Nobel per la Pace: Maarti Ahtisaari (inviato speciale del Segretario Generale delle Nazioni Unite, Finlandia)

Oro olimpico 100 metri maschili: Usain Bolt (Giamaica) in 9.,69 secondi

Campione del Mondo di Formula 1: Lewis Hamilton (Regno Unito) su McLaren

Oscar per il miglior film: The Millionaire

Fatti salienti
19 febbraio – dopo 31 anni Fidel Castro annuncia le dimissioni come presidente di Cuba, dimissioni che saranno effettive a partire dal 24 febbraio

2 luglio – A sei anni e mezzo dal suo rapimento, la francese Ingrid Betancourt viene liberata in Colombia

4 novembre – Barack Obama viene eletto come 44esimo presidente degli Stati Uniti, primo afro-americano a ricoprire l'incarico