Speranze per Barça e Arsenal? A volte rimontano...

Brutte notizie per il Barcellona: nessuno in Europa ha mai superato il turno dopo una sconfitta esterna 4-0. Buone notizie per l'Arsenal: un ko per 5-1 è già stato ribaltato. Ecco le più grandi rimonte della storia.

©Getty Images

Arsenal e Barcellona dovranno entrambe rimontare quattro gol per superare gli ottavi di finale di UEFA Champions League dopo le pesanti sconfitte subite all'andata. UEFA.com passa in rassegna le più grandi rimonte nella storia del calcio europeo. 

  • Squadre che hanno recuperato quattro gol di svantaggio nelle competizioni UEFA per club 

FC La Chaux-de-Fonds - Leixões SC 6-2
Leixões SC - FC La Chaux-de-Fonds 5-0
Coppa delle Coppe UEFA 1961/62, primo turno
Il Leixões è ricordato soprattutto per il 2-0 in finale di Coppa del Portogallo contro l'FC Porto che gli ha regalato un posto in Coppa delle Coppe. All'esordio in Europa nella stagione successiva, la squadra di Filipo Nuñez viene travolta 6-2 dal La Chaux-de-Fonds, che però si arrende nella gara di ritorno al Campo de Santana. Osvaldo Silva porta la sua squadra sul 2-0 prima dell'intervallo, mentre Oliveirinha (autore dei due gol all'andata) firma una doppietta inframmezzata da una rete di Vandinho effort. Os Bébés restano l'unica squadra ad aver rimontato quattro gol e ad essersi qualificata senza ricorrere alla regola dei gol in trasferta.

Queens Park Rangers FC - FK Partizan 6-2
FK Partizan - Queens Park Rangers FC 4-0
Coppa UEFA 1984/85, secondo turno 
Per il QPR di Alan Mullery, il passaggio del turno sembra una formalità dopo la netta vittoria all'andata, ma i gol di Dragan Mance, Dragan Kaličanin, Miodrag Ješić e Zvonko Živković qualificano la squadra di Belgrado. "Siamo stati travolti - ricorda Gary Waddock, centrocampista del QPR -. Pensavamo che quel vantaggio ci avrebbe permesso di andare avanti. Ci siamo preparati bene, ma il risultato dimostra cosa può accadere se parti male in una partita di ritorno europea".

©Getty Images

VfL Borussia Mönchengladbach - Real Madrid CF 5-1
Real Madrid CF - VfL Borussia Mönchengladbach 4-0
Coppa UEFA 1985/86, terzo turno
Il Real subisce una pesante batosta da Heynckes, attuale tecnico del Bayern, ma al ritorno Jorge Valdano segna due gol nei primi 17 minuti e ridà speranza alla squadra di Luis Molowny. Santillana firma altre due gol negli ultimi minuti e porta a termine una rimonta straordinaria. In finale, le merengues batteranno un'altra tedesca, l'1. FC Köln. Il compianto Juanito ha dichiarato: "Sono stato nazionale, ho giocato due Coppe del Mondo e ho vinto titoli con il Real Madrid, ma questa rimonta le batte tutte. È il giorno più bello della mia vita".

  • Recuperare uno svantaggio momentaneo di cinque gol nelle competizioni per club UEFA

Honvéd 5-2 Panathinaikos
Panathinaikos 5-1 Honvéd
Coppa UEFA terzo turno 1987/88
Il Panathinaikos ha recuperato un semplice deficit di tre gol in Grecia, ma ciò che rende questa doppia sfida unica è che la squadra ellenica è stata a un certo punto dell'andata sotto per 5-0. Nessun altra squadra è mai riuscita a compiere un'impresa simile.

  • Le più grandio rimonte nella fase a eliminazione diretta della UEFA Champions League

Chelsea FC - FC Barcelona 3-1
FC Barcelona - Chelsea FC 5-1 (dts)
Quarti di finale 1999/2000
Prima dell’arrivo di Roman Abramovich, il Chelsea non era considerato una superpotenza del calcio europeo e la vittoria sul Barcellona di Louis van Gaal – arrivato grazie ai gol di Gianfranco Zola e Tore André Flo (due) – è una vera sorpresa per la squadra di Gianluca Vialli. Nel ritorno la squadra inglese è a sette minuti dalla qualificazione quando Flo segna ancora portando il risultato al Camp Nou sul 2-1. Dani García porta però la sfida ai supplementari e Rivaldo (rigore) e Patrick Kluivert decidono la contesa. Luís Figo commenta: "Oggi abbiamo giocato la gara perfetta”.

"E’ la serata più bella della mia vita”, le parole di Gabri García; "Abbiamo subito un brutto colpo con quel gol, ma siamo stati bravi a reagire subito – aggiunge Figo -. E’ davvero una serata da ricordare". "Abbiamo fatto ciò che non volevamo: difenderci in modo passivo – il commento del deluso Vialli. "Siamo riusciti solo a correre dietro il pallone stasera”, aggiunge Didier Deschamps.

AC Milan - RC Deportivo La Coruña 4-1
RC Deportivo La Coruña - AC Milan 4-0
Quarti di finale 2003/04 
Walter Pandiani porta avanti il Depor a San Siro, ma il Milan risponde con la doppietta di Kaká e un poker complessivo. Prima del ritorno al Riazor, il tecnico del Depor Javier Irureta si attaccava a un sogno. "Sarà molto complesso, una sfida difficile e impegnativa – disse -. Ma nel calcio a volte i miracoli accadono, cose che non ci si può spiegare razionalmente”.

Incredibilmente la sua squadra è già in vantaggio nel doppio confronto all’intervallo del ritorno grazie alle reti di, Pandiani, Juan Carlos Valerón e Alberto Luque. Fran González arrotonda il risultato al 76’. Irureta aveva promesso di andare in pellegrinaggio a Santiago de Compostela in caso di successo. "E’ valso la pena dopo questa vittoria – il suo commento -. Camminerò a Santiago perché una promessa è una promessa".
Il Depor è poi uscito in semifinale  

Real Madrid CF - AS Monaco FC 4-2
AS Monaco FC - Real Madrid CF 3-1
Quarti di finale 2003/04
Il poco blasonato Monaco sembrava spacciato al fischio finale dell’andata al Santiago Bernabéu il 24 marzo 2004. Quattro reti del Real Madrid dopo l’intervallo avevano stordito la squadra del Principato che si era però appesa alla rete di Fernando Morientes all’83’. Il tecnico Didier Deschamps continuò però a crederci: "Altrimenti farei meglio a restare a casa”, disse.

Sotto di un gol a pochi secondi dall’intervallo nel ritorno, il Monaco pareggia con Ludovic Giuly. Morientes – in prestito proprio dal Real Madrid – segna di testa il secondo gol e ancora Giuly firma il 3-1. Nel finale Raúl González calcia alto da buona posizione mancando il gol-qualificazione per il Real. Morientes non è nemmeno sicuro se festeggiare o meno. "Sono felice per la vittoria del Monaco ovviamente, ma ho tanti amici a Madrid che passeranno un brutto periodo".
Il Monaco ha poi perso in finale  

SSC Napoli - Chelsea FC 3-1
Chelsea FC - SSC Napoli 4-1 (dts)
Ottavi 2011/12 
Un cambio in panchina ispira la rimonta del Chelsea. L’ultima gara europea di André Villas-Boas con i Blues finisce con una netta sconfitta a Napoli; Juan Mata aveva portato in vantaggio i londinesi poi puniti dalla doppietta di Ezequiel Lavezzi e dal gol di Edinson Cavani. "Grazie a questo gol in trasferta ci sono buone possibilità di rimonta”, aveva detto Villas-Boas a fine gara.

Il tecnico portoghese, però, viene sostituito da Roberto Di Matteo per il ritorno quando le reti di Didier Drogba, John Terry e Frank Lampard (75’ su rigore) portano la sfida ai supplementari, Branislav Ivanović completa la rimonta al 105’. "Ricordo tanti grandi serate ma questa credo che passerà nella storia del club”, le parole di Di Matteo, non potendo sapere cosa avrebbe riservato ai suoi il resto della competizione.
Il Chelsea ha poi battuto il Bayern in finale  

AC Milan 2-0 FC Barcelona 
 FC Barcelona 4-0 AC Milan 
 Ottavi di finale 2012/13
Nessuna squadra aveva mai rimontato una sconfitta con due gol di scarto subita all'andata senza l'ausilio di un gol segnato in trasferta, ma il Barcellona riesce nell'impresa grazie anche all'assordante sostegno del Camp Nou. Una strepitosa doppietta di Lionel Messi nel primo tempo annulla il vantaggio rossonero e il gold i David Villa in avvio di ripresa completa il sorpasso.

I catalani vengono aiutati anche dalla sorte - sul risultato di 1-0 M'Baye Niang coglie il palo per il Milan - e deve attendere il recupero per il gol della sicurezza firmato da Jordi Alba. Al fischio finale Massimiliano Allegri ammette che il Barcellona ha giocato "straordinariamente bene", mentre Messi dichiara a UEFA.com: "Questo è il  Barça che noi e i tifosi vorremmo sempre vedere". Per avere la meglio sul Bayern, i catalani dovranno ripetere quella prestazione.
Il Barcellona è poi uscito in semifinale 

Olympiacos FC - Manchester United FC 2-0 
Manchester United FC - Olympiacos FC 3-0 
Ottavi di finale 2013/14 
Lo spirito di Sir Alex Ferguson vive all'Old Trafford! Lo scozzese aveva lasciato l'estate precedente ma il Manchester continua a non mollare mai come ai suoi tempi. Alejandro Domínguez e Joel Campbell avevano portato l'Olympiacos a un passo dai quarti di UEFA Champions League per la prima volta in 15 anni. 

Ma il sogno greco svanisce al ritorno sotto i colpi di Robin van Persie che ribalta tutto con la sua prima tripletta in UEFA Champions League: 30 anni prima lo United aveva ribaltato una sconfitta con lo stesso risultato: contro l'FC Barcelona in Coppa delle Coppe. 
Lo United esce poi ai quarti.

Paris Saint-Germain - Chelsea FC 3-1
Chelsea FC - Paris Saint-Germain 2-0
Quarti di finale 2013/14
Chelsea ancora! Questa volta la squadra guidata da José Mourinho deve rimontare dopo che alla autorete di David Luiz era seguito il gol al 93' di Javier Pastore condannando i Blues a una sconfitta per 3-1 nella capitale francese. Il gol di Eden Hazard si rivelerà fondamentale.

Sei giorni dopo André Schürrle entra dalla panchina e dopo 32 minuti sblocca il risultato in favore dei padroni di casa. Poi Demba Ba segna la rete decisiva a due minuti dal termine e il Chelsea si qualifica per la regola dei gol in trasferta. "Abbiamo rischiato tutto questa sera", ha detto Mourinho "Se per qualche ragione non avessimo segnato quel secondo gol saremmo comunque stati orgogliosi dei ragazzi".
Il Chelsea esce poi in semifinale.