La Spagna affonda la Norvegia

Norvegia - Spagna 0-2
I gol di María Caldentey e Marta Turmo negli ultimi 19 minuti di gioco trascinano la Spagna in finale.

La Spagna affonda la Norvegia
La Spagna affonda la Norvegia ©UEFA.com

I gol firmati da María Caldentey e Marta Turmo negli ultimi 19 minuti di gioco assicurano alla Spagna la finale dei Campionati Europei femminili UEFA Under 19, a farne le spese sono le padroni di casa della Norvegia.

Caldentey porta la Spagna in vantaggio a 19 minuti dalla conclusione
Turmo raddoppia di testa nei minuti di recupero 
• Torske lascia la Norvegia dopo 14 anni 
• La Spagna affronterà Irlanda o Olanda nella finale di domenica
 E' la terza finale della Spagna, che vinto nel 2004 e perso nel 2012  

Il sogno della Norvegia di disputare la finale di fronte al proprio pubblico a Ullevaal si è infranto sul gol al limite dell'area Caldentey. Inutile il tentativo di pareggiare per le scandinave che sono definitivamente crollate nei minuti di recupero sul colpo di testa di Turmo.

Svanisce anche il sogno di chiudere in bellezza il torneo per il Ct Jarl Torske dopo 14 anni alla guida della nazionale norvegese. Il primo tempo è avaro di emozioni e si chiude con pochi tiri in porta da una parte e dall'altra. 

Diversa la situazione nella ripresa, quando la pioggia lascia posto a un cielo più limpido e a una gara più combattuta e divertente. La Spagna non ne approfitta a inizio ripresa ma colpisce più tardi con Caldentey. La Norvegia reagisce ma fallisce l'appuntamento con il gol e viene punita nel finale da Turmo.

Jorge Vilda, Ct Spagna 
Siamo molto felici. Abbiamo giocato molto bene contro una buona Norvegia e le mie giocatrici sapevano cosa fare in campo. Le nostre avversarie non hanno in realtà creato molte occasioni e segnare un gol di testa al 94' rispecchia la nostra voglia e la nostra ambizione. E' la vittoria della squadra, abbiamo completamente meritato questo successo. 

Jarl Torske, Ct Norvegia
E' stata una prestazione deludente ma va dato merito alla squadra spagnola, sempre molto pericolosa durante la gara. Non siamo stati bravi e abbiamo tenuto poco il possesso della palla. Eravamo a 90 minuti dalla finale ma saper dominare la tensione è una grande lezione che le mie calciatrici devono imparare.