Metti fuorigioco il COVID-19 seguendo i cinque punti dell'Organizzazione Mondiale della Sanità e della FIFA per aiutare a fermare la diffusione della malattia.

1. Lavarsi le mani 2. Tossire sul gomito piegato 3. Non toccarsi il viso 4. Mantenere la distanza fisica 5. Stare a casa in caso di malessere.
Maggiori informazioni >

Un anno da ricordare per Eyquem

Il Ct della Francia, vincitore del Campionato Europeo Under 19 UEFA femminile, parla del successo in Galles e spiega perché il calcio femminile transalpino ha un grande futuro.

Un anno da ricordare per Eyquem
Un anno da ricordare per Eyquem ©Sportsfile

Gilles Eyquem ha vissuto un anno straordinario sulla panchina della Francia, vincitrice del Campionato Europeo Under 19 UEFA femminile. Il 54enne allenatore, in nominato ad agosto 2012, parla del successo in Galles e spiega perché il calcio femminile transalpino ha un grande futuro.

UEFA.com: ha concluso il suo primo anno con una coppa europea. È stato così facile come sembrava?

Gilles Eyquem: no, per niente. È stato un bel torneo, impegnativo e interessante. Devo dire che le ragazze hanno lavorato molto, ma una parte del merito è della la federazione. Abbiamo infrastrutture di alto livello che ci permettono di ricavare il meglio dalle ragazze selezionate.

UEFA.com: guardando indietro, quali sono i suoi ricordi più belli?

Eyquem: credo la preparazione per il torneo, un periodo molto importante e intenso. Poi abbiamo iniziato con la partita contro l'Inghilterra e abbiamo capito che sarebbe stato molto difficile. La semifinale contro la Germania è stata una specie di finale anticipata. È stata una gara molto bella ed entrambe le squadre hanno provato a esprimere il loro stile.

UEFA.com: per il calcio femminile francese, quanto è stata importante questa vittoria dopo la delusione a WOMEN'S EURO 2013?

Eyquem: molto importante. Anche se la nazionale maggiore non è stata premiata, non penso che ci vorrà molto, perché Philippe Bergeroo, con cui ho lavorato per anni, ha cambiato l'organizzazione della squadra inserendo nuove ragazze. Nella nazionale maggiore ci sono già giocatrici dell'Under 19. Credo che insieme lavoreremo bene; ci sentiamo spesso e sicuramente ci saranno vantaggi anche per le squadre Under 19 e Under 20.

Eyquem dopo la finale di Llanelli
Eyquem dopo la finale di Llanelli©Sportsfile

UEFA.com: dopo il successo delle squadre Under 17 e Under 19, la Francia potrà finalmente raccogliere i frutti?

Eyquem: sì. Cerchiamo di sfruttare questi risultati per far crescere il calcio femminile in Francia e sempre più ragazze iniziano a giocare. Per ora va bene e tutti scoprono che il calcio femminile è una ventata d'aria fresca, con buoni risultati e un atteggiamento positivo.

UEFA.com: infine, parliamo del prossimo torneo. Difenderete il titolo in un girone difficile contro la Polonia, la Svezia e la Romania. Cosa pensa del sorteggio?

Eyquem: sarà una bella fase elite e giocheremo in Francia, ma non so se sarà un vantaggio. La Svezia è un'avversaria di qualità. La Polonia e la Romania le conosco meno, ma anche loro stanno crescendo. Abbiamo una buona squadra, quasi tutta quella che ha vinto i mondiali Under 17 nel 2012. Abbiamo giocato bene nelle qualificazioni e ci sono stati spunti positivi. Sono sicuro che ci qualificheremo per la fase finale in Norvegia.

In alto