UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Bonometti sulle orme di Baggio

Se le avversarie svedesi cercheranno di imitare Zlatan Ibrahimović, per Cristina Bonometti le Azzurrine dovranno avere un'altra fonte di ispirazione.

Bonometti sulle orme di Baggio
Bonometti sulle orme di Baggio ©Sportsfile

Se le avversarie svedesi prenderanno ispirazione da Zlatan Ibrahimović, Cristina Bonometti crede che l'icona nazionale Roberto Baggio dovrà essere l'esempio da seguire per le Azzurrine nella semifinale dei Campionati Europei UEFA Under 19 a Blois.

Grande allenatore
Bonometti, che si è innamorata del calcio vedendo in azione Baggio con la maglia azzurra, sente che la sua squadra potrà arrivare in finale anche grazie all'ottimo lavoro svolto dal Ct Corrado Corradini. "E' un grande allenatore e una grande persona - ha detto a uefa.com -. Ci dà grande motivazione nello spogliatoio e serenità fuori. E' molto importante in un torneo come questo. Penso che siamo abbastanza forti per vincere questo torneo".  

Bella esperienza
La squadra di Corradini ha sorpreso molti in questi Europei. "Siamo molto felici di essere arrivate fino a questo punto. E' stata una bella esperienza, siamo contente di essere in semifinale e vogliamo continuare a sentirci così anche dopo la partita di mercoledì. Non pensavo che saremmo arrivate così avanti ma abbiamo lavorato davvero bene".

Piedi magici
Bonometti, in gol nella vittoria contro la Francia che ha regalato la qualificazione alle Azzurrine con un turno di anticipo, elogia la Svezia  ma svela che nello spogliatoio azzurro c'è grande ottimismo. "La Svezia è una bella squadra che gioca un calcio fisico e veloce. Noi però speriamo di giocare bene e di arrivare in finale. Il mio idolo è sempre stato Baggio, un fenomeno in Italia che sapeva benissimo come decidere una partita. Aveva piedi magici". Un pizzico di quella magia trasferito nei piedi di Bonometti nei prossimi giorni e l'Italia potrebbe davvero tornare a casa con il trofeo.