UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

L'Inghilterra vola in semifinale

Inghilterra - Spagna 1-0
Una punizione di Danielle Buet regala la semifinale alle inglesi, vincitrici del Gruppo B.

L’Inghilterra accede alle semifinali dei Campionati Europei UEFA Under 19 femminili come vincitrice del Gruppo B, in seguito al successo 1-0 ottenuto contro la Spagna a Reykjavik.

Gol decisivo
La rete siglata al 20’ da Danielle Buet allo Stadio KR-Völlur premia l’Inghilterra per l’ottima prestazione in campo e nega alle iberiche i tre punti necessari per ottenere la qualificazione. Giovedì le inglesi affronteranno la Norvegia in semifinale, alla ricerca di un posto per la finalissima di domenica.

La squadra più forte
Prima del fischio d’inizio, le due formazioni erano separate in classifica da un solo punto, ma fin dalle prime battute di gara, l’Inghilterra appare nettamente superiore, sia fisicamente, che tatticamente. Natasha Dowie punge in avanti, Elizabeth Edwards, Danielle Buet e Remi Allen dominano a centrocampo e già nelle fasi iniziali Ellen White costringe Andere Leguina al salvataggio.

Inghilterra in vantaggio
La Spagna cresce poco a poco, trascinata da Silvia Meseguer, ma sono le inglesi a passare a condurre. Dopo una punizione calciata senza successo da Chelsea Weston, il direttore di gara ravvisa un ulteriore fallo sulla Allen e questa volta la battuta di Danielle Buet trafigge la Andere e sblocca il risultato.

Replica iberica
La Spagna replica con un tentativo di Silvia, neutralizzato da Danielle Hill. Il centrocampo inglese, tuttavia, argina gran parte delle manovre iberiche ed è la Allen a sfiorare il 2-0 in acrobazia.

Scintille nel finale
Nella ripresa, la Spagna cambia marcia. Laura Requena, imbeccata da Mari Paz, si libera della marcatura, ma conclude tra le braccia della Hill. Poco dopo tocca a Silvia concludere fuori bersaglio dal limite dell’area. Le iberiche rischiano comunque molto e sono graziate per due volte dalla premiata ditta Jessica Clarke-Ellen White, i cui tentativi difettano in precisione. La replica iberica è di Silvia, che va due volte alla conclusione in un’area inglese mai così affollata. I toni salgono ulteriormente nel finale: al 78’ Marta Torrejón spreca di testa, mentre sul fronte opposto solo un intervento disperato impedisce alla Clarke di raddoppiare.