UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

La Spagna vince in scioltezza

Polonia - Spagna 0-2
I gol nella ripresa di María Paz e Marta Torrejón regalano alla Spagna la sua prima vittoria a Grindavik.

La Spagna coglie la prima vittoria al Campionato Europeo Femminile UEFA Under 19. A Grindavik i gol nella ripresa di María Paz e Marta Torrejón pongono fine alla resistenza della Polonia nella gara del Gruppo B.

Vinta la resistenza polacca
La bravura del portiere della Polonia Anna Bocian – che nel primo tempo ha anche parato un rigore a Raquel Peña – ha fermato i tentativi della squadra di Ignacio Querela fino al gol (58’) da distanza ravvicinata di Mari Paz. Il difensore centrale Marta ha poi messo al sicuro la vittoria a 13’ dal termine. Grazie a questo risultato la Spagna raggiunge la Francia in classifica, due punti sopra la Polonia, ultima nel girone.

Gioco sulle fasce
Quereda aveva apportato delle modifiche dopo la sconfitta con la Francia nella prima partita e una dei volti nuovi, l’ala Laura Requena, ha manovrato bene con Silvia Meseguer, di recente schierata in attacco al fianco di Mari Paz. Con la Spagna in campo con un modulo 4-4-2, le due spagnole hanno operato quanto più possibile sulle fasce. Silvia ha indirizzato di testa sopra la traversa della porta difesa dal portiere Bocian, su cross di Alexandra López, seguita da Mari Paz, autrice di una conclusione di poco fuori bersaglio.

Situazione di stallo
L’occasione giusta si presenta poco dopo la mezz’ora quando Silvia viene atterrata nell’area della Polonia da Marzena Grzelińska. Raquel si incarica del tiro, ma il suo tiro di sinistro viene fermato con il piede destro dalla Bocian. Silvia serve, poi, un ottimo pallone a Mari Paz, senza conseguenze, con la Spagna che prosegue la sua caccia al primo gol nel torneo. Se Bocian si oppone a tutti gli attacchi spagnoli, la Polonia – che aveva pareggiato con l’Inghilterra grazie ad un autogol – non va certo più vicina a sbloccare il punteggio. Katarzyna Daleszczyk inciampa nell’area spagnola, dopo essere sfuggita ai difensori avversari, un attimo prima di servire la compagna di reparto Agata Tarczyńska.

Risultato al sicuro
Nella ripresa il copione non cambia. Laura impegna la Bocian in una parata molto difficile, prima che il suo successivo tiro venga deviato fuori sia dal portiere che da un difensore. Per gran parte del gioco la squadra di Robert Góralczyk tiene nove elementi dietro la linea del pallone, anche se una rara incursione in avanti si risolve in un tiro Marzena Grzelińska, su azione da corner, che viene respinto dal portiere spagnolo Andere Leguina. Mari Paz, finalmente, riesce a trovare un varco, ribadendo in rete una respinta di Bocian su tiro di Silvia. Anche se dopo il gol subito la Polonia si porta maggiormente in avanti – con Daleszczyk che appare come la giocatrice con più probabilità di realizzare il gol del pareggio -, la Spagna continua a rendersi pericolosa. Silvia viene fermata in fuorigioco dopo aver superato con abilità la Bocian e poco dopo, al 77’, il capitano Marta manda in rete un centro di Melanie Serrano. Per la Polonia la partita finisce qui.