Sbardella orgoglioso delle Azzurrine

Mentre Anouschka Bernhard è delusa per la prestazione della Germania "sparita" nella ripresa, il Ct dell'Italia è felice che la sua squadra abbia dato tutto uscendo senza rimpianti.

Sbardella orgoglioso delle Azzurrine
Sbardella orgoglioso delle Azzurrine ©UEFA.com

Anouschka Bernhard, Ct Germania 
 
Abbiamo segnato nel primo tempo – ha fatto la differenza. Abbiamo iniziato la partita bene giocando un ottimo primo tempo. Abbiamo creato diverse occasioni grazie a bei movimenti in attacco, e abbiamo segnato. Nel secondo tempo, però, abbiamo perso il nostro gioco, come ci era capitato già contro la Scozia. E alla fine ne è uscita una partita molto equilibrata. Non sembrava dopo l'ottimo avvio da parte nostra, ma alla fine è bastato quel gol.

La nostra forza è il gioco d'attacco, ci piange spingere avanti perché invece la difesa è il nostro punto debole. Il piano era quello di attaccare a pieni ritmi sin dall'inizio, cercando di sfruttare gli spazi che ci avrebbe concesso l'Italia. Nella ripresa purtroppo siamo sparite. Siamo felici per la finale anche se non molto per come abbiamo giocato. Forse mi sentirò meglio tra mezz'ora. La Spagna l'abbiamo affrontata nel girone e sappiamo come gioca, ma per adesso godiamoci questa vittoria.

Enrico Sbardella, Ct Italia 
Fisicamente non eravamo sullo stesso livello della Germania. Abbiamo giocato con grande voglia e determinazione per cercare di raggiungere la finale, ma congratulazioni alle vincitrici che sono una grande squadra. Abbiamo fatto tutto ciò che potevamo. Adesso dobbiamo recuperare per la partita di domenica che vale tanto, c'è la qualificazione ai Mondiali in palio. Avevo detto alle ragazze che non aveva senso aver paura di questa grande Germania, quindi ho chiesto loro di spingere e attaccare. Se devi perdere, meglio farlo dopo averci provato e lasciare il campo senza rimpianti.

Sono molto soddisfatto per il nostro secondo tempo. Forse non abbiamo avuto tante occasioni ma abbiamo creato problemi alla Germania. Abbiamo mostrato grande qualità e spero che i nostri risultati rivitalizzino il movimento calcistico femminile in Italia. Giocare alla pari contro la Germania era difficile, ho dovuto ricorrere ai cambi perché abbiamo consumato tante energie, però sono davvero orgoglioso delle mie ragazze.

In alto