L'ambizione di Knauseder

Dopo la sconfitta alla seconda giornata contro l'Inghilterra, l'Austria ha diversi buoni motivi per sorridere, tra cui la brillante prestazione della regista Teresa Knauseder.

L'ambizione di Knauseder
©Sportsfile

Dopo la sconfitta alla seconda giornata contro l'Inghilterra, l'Austria ha diversi buoni motivi per sorridere, tra cui la brillante prestazione della regista Teresa Knauseder.

La 16enne, che dirige il gioco da centrocampo, ha impressionato per le doti tecniche. Il suo tocco di palla elegante e i piedi 'magici' sono completati da un'ottima resistenza fisica - queste caratteristiche la rendono la giocatrice ideale per qualsiasi tecnico. "Mi sento davvero orgogliosa quando indosso questa maglia", ha detto Knauseder, che dopo essersi innamorata di quesro sport in tenera età ha deciso di lavorare per migliorarsi.

"Ho iniziato a giocare quando avevo cinque o sei anni con mio zio, e sono passata a un club con l'aiuto di alcuni parenti. Ho migliorato la mia tecnica in diverse giovanili. Abbiamo un centro per il calcio femminile fantastico a St Polten ed è lì che si perfezionano le migliori", ha raccontato a UEFA.com.

Teresa Knauseder dopo l'intervista
Teresa Knauseder dopo l'intervista©Sportsfile

Knauseder è molto motivata e non nasconde le proprie ambizioni. "Non mi concentro in particolare su nessuna giocatrice, mi concentro su me stessa", ha detto. "Sto provando ad arrivare il più lontano possibile, a entrare in nazionale maggiore. Spero di guadagnarmi da vivere giocando a calcio, anche se è difficile in Austrua. Sarebbe favoloso giocare all'estero, magari in Germania o in America, dove hanno squadre di college femminili.

Dopo gli sviluppi degli ultimi anni, Knauseder crede che ci siano tutte le condizioni perché il calcio femminile possa sbocciare in Austria. "Il calcio in Austria sta crescendo. Siamo la prima squadra a qualificarsi per gli Europei di calcio e stiamo facendo bene. Con il nostro centro nazionale, le giocatrici sono incoraggiate a fare sempre meglio. Ci sono più ragazze che giocano a calcio e le cose si stanno muovendo", ha spiegato.

Due punti dietro l'Inghilterra con una giornata ancora da giocare, la squadra di Dominik Thalhammer deve superare la capolista Italia per avere chance di qualificazione. L'emozione di competere a questi livelli per la prima volta sembra garantire che le giocatrici daranno battaglia in ogni caso.

"Siamo contente della nostra prestazione [contro l'Inghilterra]. Abbiamo combattuto per 80 minuti e dominato la partita a tratti. Ci è solo mancato il tocco finale", ha spiegato Knauseder. "Abbiamo fatto bene considerando che siamo considerate la 'squadra materasso'. Abbiamo ancora una piccola possibilità e daremo tutto contro l'Italia. Tutte siamo molto motivate e saremo pronte per la partita".

In alto