UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Pioggia di emozioni per la Polonia

Il Ct Zbigniew Witkowski dichiara di aver sempre creduto nel trionfo della Polonia al Campionato Europeo Under 17 femminile, mentre Patrycja Michalczyk dedica la vittoria alla compianta Irena Półtorak.

La Polonia festeggia la vittoria
La Polonia festeggia la vittoria ©Sportsfile

Zbigniew Witkowski, Ct Polonia
È un grande successo e forse nessuno se lo aspettava, ma io ci ho creduto fin dall'inizio e ce l'abbiamo fatta. Siamo riusciti a fare quello che sognavo fin dal secondo turno di qualificazione, quando abbiamo battuto squadre come Norvegia e Inghilterra e abbiamo pareggiato contro l'Austria. Allora ero sicuro che potevamo vincere la prima partita contro il Belgio, come avevo detto nella scorsa intervista, ma avevo anche detto che oggi potevamo vincere e conquistare il titolo europeo.

La nostra tattica si basa soprattutto sul distruggere il gioco avversario. All’inizio del primo tempo eravamo un po' smarriti, ma ho corretto velocemente la formazione e allo stesso tempo abbiamo avuto le nostre occasioni. Su una di queste siamo andati in vantaggio, ma potevamo chiudere la partita perché ne abbiamo avute altre due. Non siamo riusciti a segnare e il secondo tempo è stato più equilibrato.

La Svezia era pericolosa soprattutto sui calci piazzati e sui calci d'angolo, perché le ragazze sono forti fisicamente, ma nel secondo tempo anche noi abbiamo avuto le nostre opportunità. Considerando tutta la partita, la vittoria è meritata.

Patrycja Michalczyk, difensore Polonia
La prima cosa che mi viene in mente è che non c'è niente di cui aver paura. Avevamo guardato alcune partite della Svezia, quindi conoscevamo il loro gioco e sapevamo chi dovevamo temere di più. Eravamo preparate e abbiamo giocato esattamente come dovevamo.

A fine partita mi sono messa a piangere dalla gioia. Avevo i lacrimoni! Ricorderò questa vittoria per il resto della mia vita.

Sicuramente l'infortunio di Kasia Gozdek è stato una grossa perdita per noi. Credo che questa partita debba essere dedicata alla nostra allenatrice, la povera Irena [Półtorak, la ex Ct e pioniera del calcio femminile polacco scomparsa a gennaio]; spero che ci guardi da lassù e che sia orgogliosa di noi e di questo grande successo.