La Svizzera la spunta all'ultimo respiro

Svizzera - Germania 1-0 La formazione elvetica si impone grazie a un gol di Amira Arfaoui allo scadere e approda in finale, eliminando dal torneo la Germania campione in carica.

Guarda gli highlights della semifinale vinta 1-0 dalla Svizzera sulla Germania.

Un gol all'80' della subentrata Amira Arfaoui consente alla Svizzera di piegare 1-0 la Germania, campione d'Europa in carica, e di approdare a sorpresa in finale ai Campionati Europei UEFA Under 17 Femminili. 

Arfaoui pesca il jolly nella sfida di Reykjavik quando ormai i rigori sembravano inevitabili. La giocatrice No18 sfrutta al meglio l'assist di Alisha Lehmann, sugli sviluppi di un cross dalla sinistra di Nathalie Lienhard e regala alla formazione elvetica, sconfitta in semifinale nel 2012, la prima finale a livello Under 17 femminile. 

Dopo un primo tentativo di Jenny Hipp, la Germania si rende più volte pericolosa con Stefanie Sanders, miglior marcatrice tedesca nel torneo con sei reti, ma la Svizzera, vincitrice del Gruppo B, tiene bene testa alle più accreditate rivali pur concedendo un chiaro vantaggio alle avversarie sotto il profilo atletico.

In avanti la Svizzera punta sulla verve di Géraldine Reuteler, assistita da Alisha Lehmann e Jolanda Stampfli, autrice del gol-partita contro la Francia e premiata con una maglia da titolare. La Germania, tuttavia, dà il meglio di sé in contropiede, pertanto l'atteggiamento elvetico è improntato soprattutto alla prudenza. 

Dopo un primo tempo piuttosto tattico, la sfida si accende nella ripresa. Sanders ci prova sugli sviluppi di una percussione di Hipp e va di nuovo vicina al gol in una situazione di cinque contro cinque. La Svizzera replica con una punizione di Naomi Mégroz, alzata oltre la traversa da Vanessa Fischer, poi è Lara Jenzer a irrompere in area e a chiamare il portiere tedesco a un grande intervento. Il finale di gara si accende e anche Reuteler ci prova a più riprese. 

La Svizzera alza il baricentro, ma Isabella Möller e Hipp ricordano alle elvetiche quanto la Germania sia pericolosa in avanti. Concetto ribadito da Sanders, che calcia addosso al portiere elvetico Nadja Furrer, e da Gwinn, che costringe a una difficile chiusura capitan Mégroz. Allo scadere è ancora Sanders a chiamare in azione Furrer, ma sul ribaltamento di fronte la formazione elvetica trova il colpo del ko.  

Monica Di Fonzo, Svizzera
Siamo felicissime di aver vinto questa semifinale. E' fantastico che la piccola Svizzera si sia qualificata per la finale, e per la prima volta poi. Non ci sono parole per descrivere come ci sentiamo ora, ma è una cosa magnifica. Avevamo un piano, sapevamo che la Germania è forte a livello offensivo, quindi dovevamo rimanere disciplinate difensivamente.

Anouschka Bernhard, Germania
E' una delusione. Abbiamo giocato bene, avevamo un piano di gioco per affrontare la Svizzera e non era male, ma il problema è che non abbiamo segnato ed è questo quello che conta. E' il calcio. La Svizzera ha avuto due occasioni e mezza mentre noi sette o otto, ma quello che conta è trasformarle.

In alto