UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Le sette giocatrici europee con più di 200 presenze in nazionale: Seger, Prinz, Sjögran, Pedersen, Spitse, Panico, Fay

Sette calciatrici europee hanno tagliato il traguardo delle 200 presenze in nazionale.

Sette calciatrici europee hanno giocato oltre 200 partite con la propria nazionale
Sette calciatrici europee hanno giocato oltre 200 partite con la propria nazionale UEFA

Nessun calciatore ha raggiunto le 200 presenze in nazionale, ma oltre 20 calciatrici (di cui sette europee) ci sono riuscite. L'ultima a tagliare il traguardo è stata il capitano dei Paesi Bassi Sherida Spitse il 24 giugno 2022.

Ecco il nostro omaggio alle sette ragazze del "club 200" guidato da Caroline Seger, che ha superato il record europeo di 214 presenze di Birgit Prinz e Therese Sjögran nel 2021.

Seger supera il record di presenze


233: Caroline Seger (Svezia)

La centrocampista Seger ha raggiunto le 214 presenze il 10 giugno 2021 nel successo 1-0 in amichevole contro la Norvegia e ha superato questo primato cinque giorni dopo contro l'Australia. Ha poi allungato questo primato nelle Olimpiadi dove, come nel 2016, la sua Svezia ha vinto l'argento. Seger ha inoltre vinto due bronzi nella Coppa del Mondo femminile FIFA. Sono complessivamente 13 i tornei internazionali disputati dalla calciatrice. Il suo esordio in nazionale risale al 2005 e poco dopo ha disputato il primo dei suoi cinque campionati europei. Durante Women's EURO 2022 è entrata tra le dieci giocatrici che hanno collezionato più presenze a livello mondiale, uscendo poi in semifinale.

214: Birgit Prinz (Germania)

Guarda lo splendido gol di Prinz con la Germania nel 2001

L'ex calciatrice europea con più presenze è anche quella a detenere il record di gol con 128 marcature, per non parlare del suo palmares fatto di due Coppe del Mondo FIFA, cinque UEFA Women's EURO e due bronzi alle Olimpiadi. Capocannoniere e miglior calciatrice del torneo nel Mondiale del 2003, l'attaccante è stata il pilastro della Germania che ha dominato in Europa e spesso nel mondo dal suo esordio nel 1994 fino al ritiro nel 2011. Oggi riveste il ruolo di psicologa dello sport al TSG Hoffenheim e ha un ruolo simile nella nazionale tedesca.

214: Therese Sjögran (Svezia)

Therese Sjögran è venuta alla ribalta nel Mondiale del 2015 eguagliando il record europeo di presenze della Prinz. Centrocampista infaticabile, ha partecipato a 11 fasi finali in carriera ma è caduta due volte sotto i colpi della Germania di Prinz in due indimenticabili finali: a Women’s EURO 2001 e nella Coppa del Mondo 2003. Oggi ricopre il ruolo di direttore sportivo dell'FC Rosengård.

210: Katrine Pedersen (Danimarca)

Katrine Pedersen
Katrine Pedersen

Difensore di ruolo ma centrocampista all'occorrenza, la carriera della Pedersen è iniziata nel 1994 e si è conclusa nel 2013 quando si è ritirata per diventare madre. In carriera ha giocato in Inghilterra, Norvegia, Svezia e Australia mentre con la nazionale danese ha giocato sette fasi finali, di cui la prima nel Mondiale del 1995 ad appena 18 anni. Oggi lavora come insegnante.

206: Sherida Spitse (Paesi Bassi)

Sherida Spitse alla sua 200esima presenza
Sherida Spitse alla sua 200esima presenzaGetty Images

Spitse ha debuttato con i Paesi Bassi il 31 agosto 2006 in trasferta a Londra contro l'Inghilterra e quasi 16 anni dopo ha raggiunto quota 200 contro la stessa squadra a Leeds. L'apice della carriera internazionale della centrocampista finora è stata la vittoria nella finale di UEFA Women's EURO 2017 a Enschede. Ha preso per mano le padrone di casa, con il capitano Mandy van den Berg in panchina, segnando un gol su punizione nel successo 4-2 ed è stata inoltre eletta migliore in campo. Spitse ha anche aiutato i Paesi Bassi a raggiungere la finale della Coppa del Mondo 2019 e, dopo aver saltato le Olimpiadi del 2021 per infortunio, ha disputato Women's EURO 2022 (il suo torneo internazionale).

204: Patrizia Panico (Italia)

Come Prinz (e la scozzese Julie Fleeting e l'italiana Carolina Morace), Panico ha chiuso la propria carriera in nazionale con più di 100 gol e ha lasciato la maglia azzurra nel 2014 ovvero 18 anni dopo l'esordio, tanto che è stato strano vedere le Azzurre senza lei a guidare l'attacco (e fare gol). Dal 2018 allena l'Under 15 maschile italiana.

203: Gemma Fay (Scozia)

Il portiere con più presenze in assoluto tra uomini e donne, la carriera in nazionale della Fay è durata dal 1998 al 2017. In quel periodo la Scozia è passata da una squadra dell'allora Classe B europea (che gareggiava per la promozione piuttosto che per la qualificazione) a una che ha raggiunto una fase finale di UEFA Women's EURO nel 2017, dove Fay ha giocato la sua ultima partita in nazionale. Oggi è una figura di spicco nella federazione di rugby femminile scozzese.