Metti fuorigioco il COVID-19 seguendo i cinque punti dell'Organizzazione Mondiale della Sanità e della FIFA per aiutare a fermare la diffusione della malattia.

1. Lavarsi le mani 2. Tossire sul gomito piegato 3. Non toccarsi il viso 4. Mantenere la distanza fisica 5. Stare a casa in caso di malessere.
Maggiori informazioni >

Grings saluta la nazionale

L’attaccante tedesca, capocannoniere a UEFA Women's EURO 2005 e UEFA Women's EURO 2009, ha annunciato il ritiro dalla nazionale dopo 96 presenze e 64 gol.

Inka Grings
Inka Grings ©Getty Images

L’attaccante tedesca Inka Grings, capocannoniere a UEFA Women's EURO 2005 e UEFA Women's EURO 2009, ha annunciato il ritiro dalla nazionale.

Grings, 33 anni, non ha potuto partecipare per intero alle qualificazioni per l’edizione 2013. Dopo il primo posto della Germania nel Gruppo 2, l’attaccante dell’FC Zürich ha deciso di lasciare la nazionale, con cui ha realizzato 64 gol in 96 presenze. Oltre ad aver vinto due Europei, Grings ha giocato in Coppa del Mondo FIFA femminile 1999 e 2011 e ha vinto il bronzo alle Olimpiadi del 2000.

"Sentivo che era il momento giusto - commenta Grings, vincitrice della Coppa UEFA femminile 2009 e di vari campionati con l’FCR 2001 Duisburg -. Dopo i mondiali ho parlato con Silvia Neid [la Ct] e ci siamo accordate per rivedere la situazione dopo le qualificazioni a EURO 2013".

"Purtroppo mi sono infortunata e non ho potuto essere d’aiuto come speravo, ma le più giovani se la sono cavata egregiamente. Giocare in nazionale è sempre stato il mio sogno, quindi sono orgogliosa e felice".

Neid aggiunge: "Con Inka Grings perdiamo una giocatrice carismatica, una  una vera leader apprezzata da tutti. Per le più giovani, come Alex Popp, è stata un punto di riferimento. È una grande professionista, ed è per questo che mi sono trovata bene con lei anche da allenatrice".

In alto