UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Zorri pensa già alla Russia

Nonostante la sconfitta per 2-0 contro la Svezia al Turku Stadium, la centrocampista italiana pensa che il destino delle Azzurre sia ancora "nelle nostre mani".

Zorri pensa già alla Russia
Zorri pensa già alla Russia ©Sportsfile

Nonostante la sconfitta per 2-0 contro la Svezia al Turku Stadium, la centrocampista italiana Tatiana Zorri pensa che il destino delle Azzurre sia ancora "nelle nostre mani", e ora la sua squadra inizierà immediatamente a prepararsi per lo scontro decisivo contro la Russia tra tre giorni a Helsinki: "Guarderemo la loro partita contro l'Inghilterra questa sera", ha detto la 31enne a uefa.com.

'Alle spalle'
La squadra di Pietro Ghedin ha subito due gol nei primi venti minuti creando ben poche occasioni contro le scandinave, e la delusione delle giocatrici era visibile sui loro volti a fine gara: "Non so dire cosa non abbia funzionato, se qualcosa non ha funzionato, onestamente la Svezia è una grande squadra e non è mai facile contro di loro, lo sappiamo bene", ha detto riferendosi alle tre partite giocate e perse contro lo stesso avversario prima di UEFA WOMEN'S EURO 2009™. "Siamo deluse, ovviamente, ma è meglio se iniziamo a concentrarci sulla prossima partita il prima possibile e dobbiamo lasciarci questa sconfitta alle spalle".

'Complimenti'
L'Italia ha iniziato il suo cammino in Finlandia con una bella vittoria per 2-1 contro l'Inghilterra che ha fatto bene al morale, ma le sensazioni dopo la partita giocata a Turku sono completamente diverse. "Sapevamo che erano forti, ma le abbiamo trovate ache in una condizione perfetta, dobbiamo far loro i complimenti per la partita che hanno giocato", ha detto. "Spero riusciremo a dimenticare questa serata molto presto".

Ora la Russia
Zorri ha ammesso che la sua squadra ha concesso troppo alla Svezia, forse anche per la pressione di un appuntamento importante contro un avversario temibile: "Non abbiamo iniziato bene, contro una squadra che di rado fa errori ", ha aggiunto. "Abbiamo sentito la pressione di questa partita, lo si capisce anche a come abbiamo iniziato il primo tempo, poi credo che siamo migliorate e abbiamo fatto meglio; non dobbiamo fare lo stesso con la Russia".