UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Brown resta ottimista

Il portiere inglese è convinta che la qualificazione per i quarti di UEFA WOMEN'S EURO 2009™ sia ancora nelle mani della sua squadra dopo la sconfitta per 2-1 con l'Italia.

Le inglesi Fara Williams (a sinistra), Anita Asante e Rachel Brown
Le inglesi Fara Williams (a sinistra), Anita Asante e Rachel Brown ©Sportsfile

Il portiere dell'Inghilterra Rachel Brown resta convinta che la qualificazione per i quarti di finale di UEFA WOMEN'S EURO 2009™ sia ancora nelle mani della sua squadra dopo la sconfitta per 2-1 contro l'Italia nella prima partita del Gruppo C.

Ruoli invertiti
La squadra di Hope Powell ha giocato 62 minuti in dieci dopo l'espulsione del terzino sinistro Casey Stoney, colpevole di una spinta in area ai danni del Carlsberg Player of the Match, Melania Gabbiadini, e nonostante questo è stata in grado di portarsi in vantaggio con Fara Williams su rigore - prima che l'Italia ribaltasse il risultato con due gol nella ripresa di Patrizia Panico e Alessia Tuttino. Quattro anni fa, in casa, le inglesi vinsero la prima gara ma non riuscirono a qualificarsi per la fase successiva, e ora sperano che succeda esattamente l'opposto.

'Gardare avanti'
"La sconfitta di oggi chissà, magari significa che andremo ai quarti e in semifinale, in ogni caso è ancora tutto nelle nostre mani", ha detto il portiere dell'Everton LFC a uefa.com. "Non penso che ci importasse poi molto fare un punto sull'1-1, è solo che abbiamo concesso troppo possesso palla e ora dobbiamo guardare avanti".

'Delusa'
A otto minuti dalla fine è arrivata la zampata vincente delle Azzurre con Tuttino e Brown era quasi arrivata sulla palla. "Mi piacerebbe rivederlo", ha detto la 29enne. "Ci sono arrivata con la punta di un dito quindi magari avrei potuto pararla. Noi rivediamo ogni partita, noi portieri lo facciamo con il nostro preparatore, quindi ci sono molte cose sulle quali personalmente io devo migliorare. Molte giocatrici penso diranno la stessa casa".

'Livello mondiale'
Kelly Smith e il capitano Faye White hanno giocato dopo i recenti infortuni, e la seconda ha iniziato al centro della difesa. L'attaccante è invece subentrata nella ripresa. Brown è soddisfatta del fatto che le sue due compagne siano tornate pienamente in forma per le fasi finali - specialmente il talismano Smith. "E' bello averle a disposizione per questo torneo", ha detto ancora Brown. "Faye è una presenza positiva in difesa e Kelly è una giocatrice dal valore mondiale che ha la capacità di girare la partita in tuo favore, credo ce lo farà vedere nelle prossime partite. E' sempre importante avere giocatrici che hanno collezionato 60, 70 o 80 presenze quando giochi in un torneo importante come questo in Finlandia".