Metti fuorigioco il COVID-19 seguendo i cinque punti dell'Organizzazione Mondiale della Sanità e della FIFA per aiutare a fermare la diffusione della malattia.

1. Lavarsi le mani 2. Tossire sul gomito piegato 3. Non toccarsi il viso 4. Mantenere la distanza fisica 5. Stare a casa in caso di malessere.
Maggiori informazioni >

Il calcio femminile conquista i grandi

A pochi giorni dall'inizio di UEFA WOMEN'S EURO 2009™ in Finlandia , Ryan Giggs, Jari Litmanen, Roy Hodgson e Brede Hangeland hanno commentato la crescita del calcio femminile.

Il calcio femminile conquista i grandi
Il calcio femminile conquista i grandi ©Getty Images

Domenica parte UEFA WOMEN'S EURO 2009™ con Finlandia, padrona di casa, Germania, campione in carica, Danimarca, Inghilterra, Francia, Islanda, Italia, Olanda, Norvegia, Russia, Svezia e Ucraina tutte in cerca di soddisfazioni. Alcuni dei nomi più in vista dell’universo calcistico si sono espressi sul calcio femminile a pochi giorni dall’inizio della fase finale.

Ryan Giggs (giocatore del Manchester United FC)
Sta migliorando sempre di più. In molti paesi è notevolmente diffuso e credo che anche in Gran Bretagna si stia espandendo. Stiamo arrivando ai livelli di USA, Cina e Germania e stiamo riducendo il divario con il resto del mondo.

Jari Litmanen (giocatore con record di presenze nella nazionale finlandese)
In un certo senso sono nato con il calcio femminile qui in Finlandia. Sono nato nel febbraio 1971 e in quell’anno è stato organizzato il primo campionato femminile in Finlandia. Per tre anni sono stato la mascot della squadra di mia madre. Non ricordo molto di allora, ma ho visto molte foto e sentito tanti racconti. Mi ricordo le partite che vedevo negli anni ’80, prima di trasferirmi all’estero.  Ora è tutto più professionale. Le ragazze sono più dotate tecnicamente e per molti versi il loro calcio è paragonabile a quello maschile. Negli anni ’70 e ’80 il calcio femminile era qualcosa di più di un hobby. Le ragazze non si allenavano molto, mentre oggi si vede che c’è molto lavoro dietro.

Roy Hodgson (allenatore Fulham FC)
Penso che si tratti di un’altra fantastica evoluzione nel mondo del calcio. Quando ero a Malmö, negli anni ’80, il calcio femminile si stava diffondendo in Svezia e allora le squadre più forti erano Svezia, Norvegia e Danimarca. Adesso è più a livello globale. In 20 anni abbiamo assistito a dei radicali cambiamenti nel calcio femminile. Queste competizioni sono importanti e sono prese molto sul serio, anche dai mass media.

Brede Hangeland (giocatore del Fulham e della Norvegia)
E’ cresciuto molto negli ultimo anni, soprattutto è cresciuto l’interesse nel calcio femminile. In Norvegia c’è una buona squadra femminile e ogni anno aumenta il seguito di appassionati. Anche il livello dei giocatori e delle squadre è migliorato. Il calcio dovrebbe essere un sport per tutti.

In alto