Un Anello di stelle per la Women's Champions League

Il rilancio della massima competizione femminile UEFA per club passa anche attraverso la presentazione di un nuovo logo e brand.

©UEFA.com

Nel quadro del rinnovamento della massima competizione continentale per club femminile, sono stati svelati il logo e il marchio della nuova UEFA Women's Champions League.

Nuovo torneo
A dicembre 2008, il Comitato Esecutivo UEFA ha deciso di rilanciare la UEFA Women's Cup trasformandola in UEFA Women's Champions League a partire dalla stagione 2009/10. Il nuovo logo, Anello di Stelle, è stato presentato mercoledì in occasione del sorteggio per i turni preliminari presso la sede centrale della UEFA a Nyon. Il logo è composto da undici stelle, che simboleggiano una squadra di campionesse, ed è a metà fra un anello, simbolo di forza e unione, e una corona. L’identità visuale mostra la sagoma di una giocatrice che calcia una palla di vetro verso la porta, testimonianza di determinazione verso il successo, mentre sullo sfondo di uno stadio moderno si illuminano i flash delle macchine fotografiche.

Vetrina finale
Cinquantatre club appartenenti a 44 paesi parteciperanno al torneo, che per la prima volta comprenderà le seconde classificate dei campionati delle otto nazioni con il ranking migliore, e prevederà mini-tornei di qualificazione prima della fase a eliminazione diretta a partire dai sedicesimi di finale. Il torneo si concluderà con una finale unica che si giocherà due giorni prima della finale di UEFA Champions League nella stessa città, per una festa del calcio che durerà un’intera settimana. La prima finale della UEFA Women's Champions League si giocherà giovedì 20 maggio 2010 a Madrid. Le due sedi successive saranno Londra e Monaco.

'Posto che merita'
Giorgio Marchetti, responsabile delle competizioni UEFA, ha dichiarato: "La UEFA Women's Cup è il torneo per club più importante a livello femminile e lo rappresenta ai massimi livelli. Riteniamo che il nuovo format, affiancato da un nome e un brand nuovi, aumenteranno il fascino del torneo nel quadro del riposizionamento del medesimo, collocandolo nello spazio che merita accanto alla competizione maschile più importante per club, la UEFA Champions League".

In alto