Poker della Spagna, Francia annichilita

Si ripeterà la finale del 2017 contro la Germania: la Francia passa in vantaggio, ma poi è solo Spagna.

©AFP/Getty Images

La Spagna affronterà la Germania nella finale di UEFA EURO Under 21 di domenica sera a Udine, dopo aver superato 4-1 la Francia nella semifinale di Reggio Emilia. I Bleus passano dopo appena 15 minuti grazie al rigore trasformato da Jean-Philippe Mateta, ma vengono ripresi subito da Marc Roca. A cavallo dell’intervallo arrivano i gol di Mikel Oyarzabal e Dani Olmo che chiudono subito il discorso. Poker calato da Borja Mayoral.

Mateta festeggia il vantaggio
Mateta festeggia il vantaggio©Sportsfile

Il copione iniziale è quello previsto, con le Furie Rosse padrone del possesso palla e la Francia brava nel rimanere corta e chiudere gli spazi. Quando però la Spagna riesce a trovare lo spiraglio, è subito pericolo: al 4’ Junior Firpo liberato a sinistra trova Oyarzabal tutto solo, ma si salvano i Bleus.

E' la Francia ad aprire le danze. Al 15’ Mateta è glaciale dal dischetto dopo il rigore conquistato da Jeff Reine-Adélaïde, che subisce la spinta di Junior Firpo. Un attimo dopo si rifà il portiere spagnolo Antonio Sivera, parando alla grande la conclusione ravvicinata ancora di Mateta. Spinge la Spagna, ma la Francia in contropiede è pericolosissima.

Marc Roca pareggia i conti
Marc Roca pareggia i conti©Getty Images

Sylvain Ripoll è costretto a giocarsi il primo cambio al 22’, con Colin Dagba che esce in barella e viene sostituito da Kelvin Amian.

Junior Firpo continua a creare scompiglio sulla corsia mancina, ma i ragazzi di Luis de la Fuente faticano ad approfittarne inizialmente. L’occasione migliore capita sui piedi di Pablo Fornals al 27’, con Paul Bernardoni miracoloso. Sono le prove generali per il pareggio, che arriva sul calcio d’angolo successivo: Bernardoni para su Roca, ma non può niente sulla ribattuta in rete sempre di Roca.

La gioia dei ragazzi spagnoli dopo il terzo gol
La gioia dei ragazzi spagnoli dopo il terzo gol©AFP/Getty Images

Poco prima dell’intervallo sono le Furie Rosse a passare in vantaggio. Sfiorano il gol due volte, poi dal dischetto passano con l’ultimo tiro della prima frazione. Prima Unai Nuñez di tacco per poco non sorprende tutti su calcio d’angolo, poi è il solito Junior Firpo ad andare vicino al gol, con Duun diagonale per fuori di un soffio. Dagli undici metri va Oyarzabal, perfetto nello spiazzare Bernardoni.

Il secondo tempo si apre con il tris spagnolo. Ibrahima Konaté sbaglia in uscita e l’azione capolavoro delle Furie Rosse si chiude con l’assist delizioso di Fabián Ruiz per il gol a porta vuota di Dani Olmo. 

La partita, nonostante il doppio vantaggio spagnolo, rimane viva. E’ Bernardoni a tenere a galla la Francia con un’uscita perfetta su Fornals. Poi Mateta spara a lato un tocco ravvicinato.

Al 58’ Ripoll si gioca la carta Moussa Dembelé, inizialmente in panchina per l’infortunio alla caviglia patito contro la Croazia. Ma è un altro sostituto a gioire: Mayoral firma il quarto gol spagnolo con un tiro al volo potentissimo.

La partita si chiude qua, e anche ovviamente il discorso qualificazione. Sarà nuovamente Spagna-Germania, come nel 2017. L'ultima volta a gioire furono i tedeschi, ma servirà una prestazione maiuscola per superare questa Spagna.

In alto