Il sito ufficiale del calcio europeo

1986: Manuel Sanchís

Pubblicato: Lunedì, 1 settembre 1986, 9.33CET
Spagna
1986: Manuel Sanchís
Manuel Sanchís (Real Madrid CF & Spain) ©Getty Images
SSI Err
Pubblicato: Lunedì, 1 settembre 1986, 9.33CET

1986: Manuel Sanchís

Spagna

 "Alcuni nascono grandi, altri raggiungono la grandezza, e altri ancora hanno il dono della grandezza". Tutti e tre i concetti sembrano adattarsi a Manuel Sanchís. Suo padre, Manuel Sanchís Martínez, ha giocato nel Real Madrid CF tra il 1964 e il 1971, vincendo la Coppa dei Campioni nel 1996, e quando nel 1979 suo figlio, 13enne, cominciò la propria carriera al Santiago Bernabéu, un preciso sentiero era già stato segnato.

Manuel Sanchís ha però preso una strada propria, e al momento di ritirarsi, nel 2001, il giocatore rimasto fedele a un solo club aveva al suo attivo l'incredibile numero di 524 presenze nella Primera División, con la vittoria di otto campionati, due UEFA Champions League (nel 1998 e nel 2000), e  due Coppe UEFA consecutive a metà degli anni '80. Precursore della famosa 'La Quinta del Buitre' (la corte dell'avvoltoio) di Madrid - il nome dato alla generazione di giocatori cresciuti nel vivaio che ha dominato il calcio spagnolo negli anni '80 - Manuel Sanchís ha conosciuto le prime soddisfazioni nel Campionato Europeo UEFA Under 21 1986.

Punto di forza di una difesa che non ha subito gol in fase di qualificazione, è stato protagonista quando la Spagna si è imposta contro la Francia nei quarti di finale, vincendo per 3-1 sia all'andata che al ritorno. In semifinale è poi arrivato il successo sull'Ungheria con il punteggio complessivo di 5-4, al termine di un'emozionante rimonta. In finale, a seguito di un pareggio per 3-3 nel punteggio complessivo, la Spagna ha poi avuto la meglio sull'Italia dopo i calci di rigore. Per Manuel Sanchís si è trattato del primo trofeo, ma non certo dell'ultimo.

Ultimo aggiornamento: 01/10/08 19.10CET

http://it.uefa.com/under21/season=1986/golden-player/index.html#1986+manuel+sanchis