Il futuro sorride a Mitrović

Milan Jovanović, ex attaccante dell'Anderlecht, prevede un grande futuro per Aleksandar Mitrović, che a soli 19 anni è già diventato una delle pedine fondamentali della Serbia.

Aleksandar Mitrović esulta dopo uno dei suoi 11 gol con l'Anderlecht
Aleksandar Mitrović esulta dopo uno dei suoi 11 gol con l'Anderlecht ©AFP

"Non si può mai essere sicuri al 100%, ma tutto fa pensare che arriverà ai massimi livelli", commenta Milan Jovanović, ex attaccante dell'RSC Anderlecht, a proposito del connazionale Aleksandar Mitrović.

A soli 19 anni, Mitrović è stato votato miglior giocatore del Campionato Europeo Under 19 UEFA, vinto dalla Serbia in Lituania, su UEFA.com. Da allora è approdato in nazionale maggiore, segnando contro la Croazia in una delle sue tre presenze.

Ieri, l'attaccante ha segnato due gol nella gara di qualificazione al Campionato Europeo Under 21 vinta 3-0 sul Belgio, lasciando l'amaro in bocca a uno dei suoi compagni di club.

"Non pensavo che la Serbia fosse così forte - commenta il belga Dennis Praet -. Ha sempre giocato con lanci lunghi per Mitrović, che ci ha dato una lezione: tre occasioni, tre gol".

Il Ct della Serbia Under 21, Radovan Ćurčić, ammette che la squadra è costruita intorno all'attaccante. "Senza di lui non siamo gli stessi - spiega -. È un privilegio averlo con noi".

Mitrović ha lasciato l'FK Partizan per l'Anderlecht la scorsa estate al costo di 5 milioni di euro, cifra record in Belgio. Anche se la squadra di Bruxelles non sta vivendo la sua migliore stagione, essendo terza a nove punti dall'R. Standard de Liège capolista, Mitrović ha segnato 11 gol in 21 incontri.

"Sono ancora giovane e sto imparando - ha commentato l'attaccante a UEFA.com stamattina -. So quello che la gente dice di me, ma non voglio altre pressioni. Continuerò su questa strada e forse la partita di ieri ha dimostrato che è quella giusta".

Jovanović rivela che il giovane deve ancora dimostrare le sue qualità. "Non ha ancora sfruttato al massimo le sue capacità e la squadra è ancora in costruzione", commenta l'ex giocatore, vincitore di due titoli in Belgio con lo Standard e l'Anderlecht.

Secondo lui, però, Mitrović potrebbe arrivare ancora più in alto. "Quando sono arrivato allo Standard nel 2006 avevo già 25 anni e avevo giocato nel Vojvodina, Shakhtar Donetsk e Lokomotiv Moskva - ricorda -. A quell'età, forse Mitrović giocherà nel Manchester City o in una grande squadra tedesca. È un grande rifinitore, sempre pericoloso in area".

Al momento, il prossimo obiettivo di Mitrović è l'Europeo Under 21 in Repubblica Ceca. La vittoria in Belgio ha collocato la sua squadra in testa a un combattuto Gruppo 9, ma il giocatore spera che la sua nazione adottiva possa ancora qualificarsi. "Il Belgio è una grande squadra con cui faremo i conti fino alla fine - ha commentato -. Ora dobbiamo vincere in Italia, poi potrà arrivare secondo".

In alto