Pot orgoglioso della sua Olanda

Il Ct dell'Olanda non nasconde la propria soddisfazione per il travolgente successo contro la Russia, mentre Nikolai Pisarev ammette che la sua squadra "ha corso troppi rischi".

I giocatori dell'Olanda festeggiano il successo contro la Russia
I giocatori dell'Olanda festeggiano il successo contro la Russia ©Getty Images

Cor Pot, Ct Olanda
Il primo tempo non è stato facile, ma abbiamo giocato bene e abbiamo tenuto più la palla. Penso che abbiamo meritato il vantaggio nel primo tempo e nella ripresa, dopo l'espulsione, è stato tutto più facile per noi. Abbiamo perso un pò di concentrazione e loro hanno fatto gol. In quel momento ho pensato alla partita contro la Germania che è riuscita a rimontarci portandosi sul 2-2. Ci siamo un pò spaventati, ma ci siamo risollevati in fretta segnando il terzo gol.  

Non possiamo già pensare alla semifinale, prima di tutto perchè dobbiamo aspettare il risultato della partita di questa sera. Spagna - Germania è una sfida speciale e non mi esprimerò sulle semifinali. La partita contro la Spagna sarà molto importante per noi. Sono molto soddisfatto di chi è subentrato in campo dimostrando grande voglia di giocare e offrendo un ottimo contributo. Questo conferma che posso contare su 23 giocatori, non solo su 11.  

Nikolai Pisarev, Ct Russia
Ci siamo allenati per giocare in maniera più offensiva e il nostro obiettivo era oggi quello di segnare per primi. Gli olandesi sono partiti in maniera attenta, ma sono stati bravi ad andare in gol. Ora afrronteremo la Germania e proveremo a fare del nostro meglio per chiudere in maniera positiva questo torneo.

Sono assolutamente convinto che ciascun giocatore della squadra avrà un futuro roseo di fronte a sè, ma ora dobbiamo guardarci in faccia e analizzare cosa non ha funzionato provando a migliorarlo. Sono felice del contributo di Alan Dzagoev e Fedor Smolov, hanno aggiunto dinamismo al nostro attacco. Purtroppo l'espulsione ha condizionato le mie scelte dei giocatori che avevo in panchina. Oggi abbiamo pensato di poterli battere, forse siamo stati troppo aggressivi, corso troppo rischi e probabilmente abbiamo commesso degli errori che dovremo analizzare.

In alto