Lopetegui elogia la mentalità spagnola

Il Ct della Spagna Julen Lopetegui si è detto felicissimo della mentalità della sua squadra dopo che gli iberici hanno mantenuto la pazienza e trovato nel finale il gol vittoria contro la Russia.

Julen Lopetegui durante la partita contro la Russia
Julen Lopetegui durante la partita contro la Russia ©Getty Images

Julen Lopetegui, Ct Spagna
Abbiamo avuto una partita molto dura oggi, la Russia ha giocato con disciplina e ci ha reso difficile trovare spazi. Abbiamo avuto quattro, cinque occasioni per segnare ma non siamo riusciti a trovare il gol. La Russia è una buona squadra, è forte fisicamente e tatticamente. La cosa più importante è stata la nostra mentalità, abbiamo continuato a cercare il gol e a esprimere il nostro gioco e siamo stati felicissimi di fare gol. La cosa migliore è che abbiamo mantenuto la nostra mentalità, la nostra concentrazione fino alla fine sapendo quello che dovevamo fare con e senza il pallone.

Abbiamo tre punti ma sappiamo che la parte più difficile deve ancora arrivare; siamo moderatamente soddisfatti ma domani inizieremo a preoccuparci della prossima partita. Abbiamo una partita spettacolare che ci aspetta domenica. Quello che mi fa più piacere, a parte il risultato, è la mentalità dei ragazzi. Non è facile giocare queste partite perché perché la tua intensità può calare ed è in quel momento che possono farti gol. Nel primo tempo pensavo segnassero.

Siamo preoccupati per la situazione di Sergio Canales. Dovremo verificarla.

Nikolai Pisarev, Ct Russia
Avevamo pianificato questo approccio come contro la Spagna, con la nostra disciplina tattica e il gioco difensivo - speravamo di fare gol in contropiede ma non è successo. [Denis] Cheryshev viene certe volte impiegato da attaccante centrale nel suo club e abbiamo provato a sfruttare la sua velocità ma non abbiamo poi tante opzioni in attacco. Saremo di certo contenti di trovare due giocatori in più [Alan Dzagoev e Fedor Smolov] in rosa.

Avevamo diversi giocatori nuovi e la prima partita contro avversari così forti può essere difficile. Certe volte fai una buona prestazione nella tua prima partita e poi le cose vanno male, ma proveremo a fare le cose diversamente. La seconda partita sarà sicuramente diversa da un punto di vista tattico – se perdiamo siamo eliminati quindi si vedanno cambiamenti nel nostro undici iniziale e nel  nostro approccio.

In alto