UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Milik punta tutto sull'Ajax

Arkadiusz Milik, capocannoniere delle qualificazioni ai Campionati Europei UEFA Under 21, rivela che la decisione di andare all'Ajax in prestito dal Bayer Leverkusen è stata "la più semplice" della sua carriera.

Arkadiusz Milik spera in una carriera proficua ad Amsterdam
Arkadiusz Milik spera in una carriera proficua ad Amsterdam ©Getty Images

Arkadiusz Milik, capocannoniere delle qualificazioni al Campionato Europeo Under 21 UEFA 2013−15, rivela che la decisione di andare all'AFC Ajax in prestito dal Bayer 04 Leverkusen è stata "la più semplice" della sua carriera.

Il giocatore, 20 anni, è uno dei più promettenti del calcio polacco. Oltre a nove reti con l'Under 21 nelle qualificazioni, con triplette contro Malta (5-1) e Grecia (3-1), ha segnato il primo gol in nazionale maggiore nell'amichevole del 6 giugno contro la Lituania (2-1).

Quel gol è arrivato pochi giorni dopo aver accettato il trasferimento all'Ajax dal Leverkusen, che lo aveva girato in prestito all'FC Augsburg dopo una stagione 2012/13 non esaltante.

"Finora ci sono stati tre trasferimenti importanti: dal Górnik Zabrze al Bayer Leverkusen [a dicembre 2013], in prestito all'Augsburg e ora all'Ajax - ha commentato -. Quest'ultimo è stato il più semplice: l'Ajax è famoso perché lavora bene con i giovani e volevo cogliere l'occasione".

Dennis Bergkamp con la maglia dell'Ajax
Dennis Bergkamp con la maglia dell'Ajax©Getty Images

Un'alta opportunità è quella di imparare da ex campioni come il tecnico Frank de Boer e il direttore sportivo Marc Overmars, vincitori della UEFA Champions League 1995, e Dennis Bergkamp, allenatore degli attaccanti.

"Hanno avuto una carriera straordinaria e sono sicuro di essere in buone mani. Anche se non ricordo tutti i gol di Bergkamp, è stato un grandissimo giocatore e puoi insegnarmi molto. Ovviamente il 99% dipende da me, ma sono contento di lavorare con loro".

Amsterdam non è del tutto sconosciuta per Milik, che l'ha già visitata più volte. "Ci sono stato per la prima volta con le giovanili del Rozwój Katowice a 10 anni. Abbiamo partecipato a un torneo e poi siamo venuti a vedere una partita dell'Ajax, l'ultima di Rafael van der Vaart, poi abbiamo girato la città e abbiamo fatto un po' di shopping. Forse era destino".

Milik con la maglia dell'Augsburg
Milik con la maglia dell'Augsburg©Getty Images

Il giocatore spera di collezionare più presenze da titolare dopo le sei nel Leverkusen, che puntava tutto sul buon momento di Stefan Kiessling. "Naturalmente Stefan era più forte di me, ma speravo di sostituirlo se lo avessero lasciato a riposo. Purtroppo non è successo, ma ho comunque imparato molto."

Milik, autore di 18 gol nel massimo campionato con l'Augsburg, si concentra sull'Ajax e sulla possibilità di giocare nella massima competizione europea per club. "Molti diranno che la Bundesliga è più competitiva del campionato olandese, ma non importa - commenta -. L'Ajax è in Champions League e sono sicuro che sia il posto ideale per me".