UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Bianchetti, solo il meglio per l'Italia

Il Ct azzurro sembra non aver ancora sciolto un dilemma di formazione: chi sarà titolare domani, Romagnoli o capitan Bianchetti? Parola alla difesa...

Matteo Bianchetti in azione contro la Serbia
Matteo Bianchetti in azione contro la Serbia ©Marko Djurić

Nel calcio, 'capitano' non sempre fa rima con 'titolare'. Alla vigilia di Italia-Svezia, il Ct Luigi Di Biagio sembra non aver ancora sciolto un piccolo ma assillante dubbio: l'emergente Romagnoli o l'esperto Bianchetti in centro alla difesa?

Se il primo è un autentico talento - classe 1995 - che ha impressionato per tutta la stagione sfoggiando un rendimento di altissimo livello con la Sampdoria, il secondo si è messo in luce all'Europeo del 2013 in Israele ed è diventato poco dopo il capitano del gruppo degli Azzurrini.

Di Biagio glissa sull'argomento - "Matteo è un giocatore fondamentale, tuttavia se sarà in campo lo sapremo solo un paio d'ore prima della gara" -, ma Bianchetti vuole essere ancora una volta tra i protagonisti: "Sicuramente io, così come [Francesco] Bardi, ci sentiamo molto importanti per questo gruppo perchè siamo qui da diversi anni".

"Sono prontissimo per iniziare questo Europeo e fare del mio meglio, al pari di tutti i miei compagni. Siamo un ottimo gruppo, c'è un grande feeling e amalgama tra noi giocatori", ha detto il 22enne, 13 presenze complessive in questa stagione allo Spezia in serie cadetta.

Ma lo spogliatoio è quello che conta per Bianchetti, consapevole della forza di questa squadra, di una sana rivalità e dell'importanza dei nuovi innesti: "Credo che in questi ultimi due anni siamo cresciuti e migliorati sia sotto il profilo tecnico che quello tattico. Anche fuori dal campo c'è grande compattezza, naturalmente. Sono contentissimo che ci siano giovani che crescano e ci aiutino ad arrivare in alto".

Ma chi sarà la stella azzurra di questo torneo? Bianchetti non ha esitazioni: "[Domenico] Berardi è un giocatore importantissimo per noi, sia in campo che fuori dal rettangolo verde. Ha vissuto una grande stagione e ha dimostrato la sua bravura. Ma ci sono anche tanti altri giocatori che sicuramente faranno bene".