La Germania spegne il sogno finlandese

Germania - Finlandia 2-0
I tedeschi si impongono a Halmstad andando a segno due volte nel giro di tre minuti nella ripresa ed eliminano la Finlandia dal torneo.

Joni Aho (Finlandia)
©Getty Images

La Germania centra il primo successo nel Gruppo B superando la Finlandia con due reti nel giro di tre minuti nella ripresa ed elimina gli avversari dai Campionati Europei UEFA Under21.

High spirits
I tedeschi scendono in campo da favoriti, ma per lunghi tratti del primo tempo sono i finnici a comandare le operazioni. Il Ct della Germania, Horst Hrubesch, corre ai ripari inserendo Patrick Ebert ed Änis Ben-Hatira, ma è Mesut Özil a spaccare in due la partita, fornendo entrambi gli assist per le reti di Benedikt Höwedes e Ashkan Dejegah. La Finlandia accusa l'uno-due e non riesce a reagire, rendendo così inutile la sfida contro la Spagna per il proprio proseguio nel torneo. Per i tedeschi, che affronteranno invece l'Inghilterra nel loro ultimo impegno, le semifinali sono a un passo.

Sprint finlandese
Proprio come era già successo contro gli inglesi, la Finlandia parte forte e lo spostamento di Kasper Hämäläinen in posizione più centrale si rivela una mossa azzeccata. Il padre dell'attaccante 22enne - Heikki - era stato campione nazionale dei 400 metri nel 1979 e proprio da uno scatto del giocatore scaturisce il primo corner dell'incontro. Jonas Portin e Sadik non avevano sfruttato a dovere il primo calcio piazzato di Hämäläinen, mentre in occasione del calcio d'angolo il pallone spiove in direzione di Jukka Raitala, che dalla lunga distanza colpisce di prima intenzione e costringe Manuel Neuer all'intervento.

Germania imprecisa
La sfida stenta comunque a decollare ed è soprattutto la Germania che nel primo tempo non riesce a trovare i ritmi giusti. I tedeschi agiscono soprattutto in contropiede, ma Özil e Gonzalo Castro si rivelano stranamente imprecisi. Dopo una conclusione di Tim Sparv contrata da Jerome Boateng, la Germania parte rapidamente al contrattacco, trovandosi in vantaggiosa posizione di quattro contro due, ma Özil sbaglia completamente la misura del passaggio decisivo, favorendo la retroguardia finlandese.

Doppio colpo
L'estremo difensore finnico, Anssi Jaakkola, rimane inattivo fino all'8' della ripresa, quando viene chiamato all'intervento da una conclusione dalla distanza del terzino sinistro tedesco Marcel Schmelzer, schierato in sostisuzione dell'infortunato Sebastian Boenisch. Il portiere è tuttavia costretto a capitolare per ben due volte poco dopo. Intorno al quarto d'ora Özil batte una punizione dalla destra e pesca in area avversaria Höwedes, il cui potente colpo di testa si insacca in fondo alla rete. I finnici tentano subito la reazione, ma subiscono il colpo decisivo in contropiede: Sami Khedira parte in velocità e serve Özil, che questa volta sfrutta al meglio la superiorità numerica e regala a Dejegah un pallone che necessita solo di essere spinto in porta. I subentrati Teemu Pukki, Perparim Hetemaj e Jukka Raitala provano a scuotere la Finlandia, ma il risultato rimane invariato fino al fischio finale. 

In alto