A Baku è vietato sbagliare

Oggi gli Azzurrini affrontano l'Azerbaijan, fanalino di coda del Gruppo 1, ma il Ct non nasconde le insidie di questa gara: "Non dobbiamo buttare via il lavoro di un anno".

Il Ct degli Azzurrini Pierluigi Casiraghi
©Getty Images

Oggi a Baku l'Italia affronterà l'Azerbaijan in una gara valida per il Gruppo 1 di qualificazione ai Campionati Europei di categoria del 2009. "Ho detto ai ragazzi che in questi casi contano le motivazioni", ha sottolineato il Ct degli Azzurrini Pierluigi Casiraghi. "Non possiamo e non dobbiamo buttare via il lavoro di un anno".

‘Condizioni particolari'
Se l'Italia comanda il girone con 19 punti frutto di sei vittorie e un pareggio, gli azeri sono invece all'ultimo posto con un solo punticino e hanno già rinunciato alla possibilità di qualificarsi per il prossimo torneo continentale. Le insidie per l'Italia però non mancheranno: "Giocheremo in condizioni particolari, per via del fuso orario, del lungo trasferimento e delle condizioni del terreno di gioco che non sono le migliori", ha detto Casiraghi della gara di oggi.

Sfruttare il vantaggio
L'Italia ha un punto più della Croazia, e ha giocato una partita in meno. Sarebbe importante vincere oggi per distaccare proprio i croati per evitare che l'ultima gara del girone degli Azzurrini sia decisiva: "Abbiamo un minimo vantaggio sulla Croazia e dobbiamo sfruttarlo", ha ricordato Casiraghi. "Con una vittoria contro l'Azerbaijan potremmo arrivare tranquilli alle ultime due partite di qualificazione che giocheremo a settembre con la Grecia e con la stessa Croazia".

Posizione dell'Albania
La situazione del Gruppo 1 è complicata anche dalla posizione dell'Albania, la cui Federcalcio al momento è sospesa. Le nazionali albanesi non potranno giocare né gare amichevoli né ufficiali fino a nuove comunicazioni e la partita che l'Under 21 avrebbe dovuto giocare domani con la Grecia è stata posticipata. Il Ct italiano, a questo proposito, si è limitato a dire di sperare "che la UEFA scelga la soluzione migliore".

Un anno di lavoro

In alto