La Spagna chiude in testa

Spagna - Olanda 3-0
Le furie rosse travolgono l'Olanda e centrano la terza vittoria consecutiva nel Gruppo B, classificandosi al primo posto e qualificandosi per la semifinale contro la Norvegia.

La Spagna batte l'Olanda 3-0 e centra la terza vittoria consecutiva nel Gruppo B, classificandosi al primo posto e qualificandosi per la semifinale contro la Norvegia.

La squadra di Julen Lopetegui, vincitrice allo scadere nei due incontri precedenti, mette subito il discorso in chiaro allo stadio Ha Moshava. Álvaro Morata e Isco portano le furie rosse sul 2-0 in 32', mentre Álvaro Vázquez firma la terza rete a tempo scaduto. Per l'Olanda, in formazione totalmente rimaneggiata rispetto alla gara vinta contro la Russia, la sconfitta implica il secondo posto e una semifinale contro l'Italia, vincitrice del Gruppo A.

Rispetto alla gara precedente, la Spagna cambia formazione per sette undicesimi e schiera subito Morata, decisivo nelle ultime due partite. Il giocatore giustifica la scelta e va in gol dopo 26'. Intervenendo su un passaggio filtrante di Isco per Morata, Mike van der Hoorn serve inavvertitamente Pablo Sarabia, che con un rasoterra consente a Morata di appoggiare in rete.

Van der Hoorn ha la possibilità di farsi perdonare trovandosi davanti a De Gea dopo una punizione di Memphis Depay, ma il portiere neutralizza. La Spagna, al contrario, non sbaglia: Iker Muniain serve una palla lunga per Isco, che si fa spazio tra i difensori centrali olandesi e con un solo tocco scavalca Marco Bizot.

Dopo due occasioni mancate da Álvaro Vázquez e Asier Illarramendi, le ottime parate di De Gea mantengono il punteggio invariato. Il portiere è puntuale soprattutto su una punizione da 30 metri di Depay, toccata sopra la traversa, e su un tentativo a rete di Adam Maher, mentre Danny Hoesen colpisce la traversa sugli sviluppi dell'azione. La Spagna irrompe sull'altro fronte e trova il terzo gol grazie a un traversone di Sarabia e al tap-in di Álvaro Vázquez. La Spagna resta imbattuta in 24 gare ufficiali: ora tocca a te, Norvegia.

In alto