UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

L'Ucraina trionfa a Donetsk

Inghilterra - Ucraina 0-2
Le reti di Denys Garmash e Dmytro Korkishko regalano ai padroni di casa il primo trionfo nella rassegna Under 19 davanti a oltre 25.000 tifosi.

L'Ucraina trionfa a Donetsk
L'Ucraina trionfa a Donetsk ©UEFA.com

L'Ucraina trionfa in casa e si aggiudica per la prima volta i Campionati Europei UEFA Under 19. La finale contro l'Inghilterra viene decisa dalle reti di Denys Garmash e Dmytro Korkishko.

Gara perfetta
Come già successo in semifinale, la squadra di Yuriy Kalitvintsev parte benissimo e al 5' si porta in vantaggio con Garmash - già autore di una doppietta contro la Serbia giovedì - su corner calciato da Korkishko. Proprio quest'ultimo fissa il risultato sul 2-0 in avvio di ripresa con una perfetta punizione, condannando l'Inghilterra alla seconda sconfitta in finale dopo quella del 2005, quarta consecutiva negli ultimi cinque anni a livello giovanile.

Partenza a razzo
Nella sfida della fase a gironi contro l'Inghilterra, l'Ucraina si era portata in vantaggio al 2' e i padroni di casa si ripetono anche in finale, sospinti dal tifo dei 25.000 tifosi presenti sugli spalti. E' il 5' quando Garmash ruba il tempo a due difensori sugli sviluppi di un corner dalla destra di Korkishko e di prima intenzione spedisce il pallone sotto la traversa. L'Inghilterra reagisce collezionando ben sette tiri dalla bandierina nel primo tempo e dà l'impressione di poter pervenire al pareggio soprattutto a causa di qualche indecisione di Igor Levchenko, ma il portiere di casa si riscatta smanacciando un pericoloso cross di Joe Mattlock, quindi si ripete su una punizione di Joe Bennett da posizione defilata.

Korkishko in evidenza
Il gran caldo condiziona le due squadre e nel finale del primo tempo le occasioni latitano. Jason Steele, estremo difensore inglese, è costretto a intervenire soltanto su una conclusione dai 35 metri di Kyrylo Petrov, ma al 5' della ripresa capitola per la seconda volta. Daniel Gosling atterra Garmash e sul conseguente calcio di punizione Korkishko spedisce il pallone all'incrocio dei pali, non lasciando scampo al portiere inglese.

Ucraina in scioltezza
Gosling sfiora il 2-1 da distanza ravvicinata, ma viene neutralizzato da Serhiy Kryvtsov, ed è comunque l'Ucraina a dare l'impressione di maggiore pericolosità nonostante il doppio vantaggio. Vitaliy Kaverin e Kyrylo Petrov sprecano due clamorose occasioni, poi è Steele a respingere un gran tiro di Korkishko, mentre Levchenko è di poco impreciso su punizione. Il 2-0, in ogni caso, basta e avanza all'Ucraina, che come la Germania, trionfatrice a Maggio nel torneo Under 17, si laurea campione d'Europa in casa. Continua invece la maledizione dell'Inghilterra, a secco di successi nelle manifestazioni giovanili dal 1993, anno in cui si impose nel torneo Under 18.