UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Il derby di Komán

Il talento della Sampdoria e capitano dell’Ungheria confida nella determinazione della sua squadra per superare l’Italia in semifinale.

Il derby di Komán
Il derby di Komán ©Sportsfile

Vlagyimir Komán è convinto che l’Ungheria possa arrivare fino in fondo nel Campionato Europeo Under 19 UEFA e confida nello “spirito battagliero” della sua squadra in vista della semifinale di Plzen contro gli Azzurrini, campioni d’Europa nel 2003.

'Non arrendersi mai'
Le vittorie per 1-0 contro la Bulgaria e i campioni in carica della Spagna hanno regalato alla squadra di Tibor Sisa la qualificazione in semifinale con una gara d’anticipo, e nonostante abbia chiuso il Gruppo A con la sconfitta per 2-1 contro la capolista Germania, Komán ha le idee chiare su quello che la squadra dovrà fare in semifinale. "La lezione che abbiamo imparato è che non dobbiamo mai smettere di lottare – ha dichiarato a uefa.com -. Dobbiamo ricordarcelo fino al fischio finale. Sotto questo profilo, il torneo è stato fin qui molto positivo”.

Oltre le attese
Il Ct Sisa aveva detto prima dell’inizio del torneo che l’Ungheria aveva "buone possibilità di fare molto bene”, un pronostico non condiviso in patria da molti osservatori secondo il capitano. "Va riconosciuto che neppure in Ungheria si credeva molto nella possibilità di raggiungere le semifinali, ma grazie a un buon gioco e al sostegno dei numerosi tifosi, ci siamo riusciti. Siamo partiti molto bene con la Bulgaria. Nella fase finale Under 17 del 2006 avevamo perso la gara d’esordio, e sapevamo che era fondamentale ottenere i tre punti nella prima partita. La seconda partita è stata altrettanto decisiva in quanto ha segnato la qualificazione alle semifinali. Adesso il nostro obiettivo è chiaro: raggiungere la finale”.

'Stimoli in più'
Le prime tre partite dell’Ungheria nella Repubblica Ceca sono state caratterizzate da un’elevata affluenza di pubblico. "In Ungheria non siamo abituati a un tifo così caloroso – ha spiegato Komán (l’ultima semifinale raggiunta dai magiari risale all’Europeo Under 18 del 1984, quando l’Ungheria si aggiudicò il torneo) -. Non capita spesso che una squadra giovanile riceva questo tipo di sostegno. È una sensazione speciale che ci dà stimoli in più. In Ungheria si sta dando molto risalto al nostro torneo”.

'Realizzare un sogno'
Komán è uno dei 12 componenti della spedizione magiara ad aver partecipato all’Europeo Under 17 del 2006. Il Ct Sisa non esita a definire questa rosa una "buona generazione". "Questo gruppo è insieme da molti anni: sappiamo giocare insieme – ha spiegato l’allenatore -. I risultati a livello di Under 17 e adesso di Under 19 parlano da soli. Quella con l’Under 17 è stata una bellissima esperienza, e nella squadra attuale non ci sono molti elementi nuovi rispetto a quel gruppo. Questi tornei ci hanno aiutato a migliorare sul piano fisico e mentale. Adesso abbiamo l’occasione di realizzare i nostri sogni”.