UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Dieci stelline da seguire

Come di consueto l’Europeo Under 17 UEFA ha messo in vetrina talenti molto interessanti, UEFA.com ne ha selezionati dieci da seguire con attenzione nei prossimi anni.

Connor Wickham (Inghilterra)
Connor Wickham (Inghilterra) ©Sportsfile

Jack Butland (portiere, Inghilterra)
In panchina nelle prime due partite vinte dall’Inghilterra, Butland è stato schierato contro la Turchia al posto di Samuel Johnstone, con la qualificazione già in tasca. L’aitante portiere del Birmingham City FC ha sfoderato una prestazione così convincente da mantenere il posto e risultare determinante verso la conquista del titolo in finale contro la Spagna per 2-1.

Tiago Ferreira (difensore, Portogallo)
Il difensore dell’FC Porto ha formato un’ottima coppia centrale con Tobias Figueiredo, consentendo al Portogallo di incassare soltanto tre gol nell’intera fase finale, di cui due nel finale contro la Spagna, con la squadra di Rui Bento alla ricerca di una grande vittoria. Aver avuto un maestro come Rui Bento, ex difensore molto abile, gli ha sicuramente giovato.

Mattia Desole (difensore, Svizzera)
Il terzino sinistro Desole gode già di una buona reputazione – l’FC Internazionale Milano l’ha acquistato a giugno 2008 dal Grasshopper-Club – e nonostante l’uscita prematura della Svizzera complici i molti infortuni, si è dimostrato all’altezza della situazione. Molto positivo nella fase d’élite.

Konstantinos Rougkalas (difensore, Grecia)
Trascinati nelle qualificazioni dai gol del capitano Dimitrios Diamantakos, gli ellenici hanno impressionato tuttavia più per la solidità difensiva, incassando un solo gol contro l’Inghilterra e bloccando sullo 0-0 la Repubblica Ceca. Rougkalas, in forza all’Olympiacos FC, è stato il pilastro di un reparto ben collaudato.

Tomáš Kalas (difensore, Repubblica Ceca)
Anche la retroguardia della Repubblica Ceca ha destato un’ottima impressione. Svarione decisivo a parte contro la Turchia, Filip Twardzik, difensore centrale in forza al Celtic FC, ha confermato le sue doti, mentre al suo fianco Kalas ha svolto un ottimo lavoro, nonostante l’espulsione contro la Grecia ne abbia determinato l’uscita di scena prematura.

Taşkın Çalış (ala, Turchia)
Artun Akçakin, capitano della Turchia e autore di tre gol, ha attirato l’attenzione di molti osservatori, ma parte del merito va attribuito a  Taşkın, ala in forza al VfL Borussia Mönchengladbach. Da un suo corner arretrato è nato il momentaneo vantaggio della Turchia contro l’Inghilterra. Inoltre, Taşkın ha segnato il gol della pareggio in semifinale contro la Spagna, che ha poi vinto 3-1.

Abdoulaye Doucouré (centrocampista, Francia)
La Francia, sconfitta in semifinale al pari della Turchia, ha potuto contare su una squadra di talenti, fra cui l’attaccante Sanogo e il centrocampista Paul Pogba, anche lui molto alto. Malgrado Doucouré, in forza allo Stade Rennais FC, abbia un profilo più basso rispetto ai due colleghi citati sopra, ha dimostrato classe e freddezza innescando Pogba per il gol che ha dato speranza alla Francia nella sconfitta in semifinale contro l’Inghilterra.

Gerard (attaccante, Spagna)
Sia Gerard che Jesé Rodríguez hanno fatto la fortuna della Spagna con la loro abilità tecnica e velocità sulle fasce. Il giocatore dell’FC Barcelona, in particolare, ha segnato due gol nella fase a gironi contro il Portogallo, di cui uno direttamente da corner, e ha illuminato la finale con il gol iniziale e una serie di grandi giocate. Nonostante la vittoria dell’Inghilterra, il terzino sinistro Luke Garbutt non dimenticherà presto Gerard.

Connor Wickham (attaccante, Inghilterra)
L’Inghilterra ha dimostrato di avere talento in ogni reparto: Garbutt in difesa, Conor Coady a centrocampo, e Joshua McEachran dietro le punte. In attacco, poi, ha potuto sfoggiare una coppia di lusso: Benik Afobe (Arsenal FC) e Wickham, già titolare con la prima squadra dell’Ipswich Town FC. A secco nella fase a gironi, il possente attaccante è andato a segno due volte in semifinale contro la Francia e si è ripetuto in finale contro la Spagna realizzando il gol-partita.

Paco (attaccante, Spagna)
Nonostante sia rimasto a secco in finale, Paco è stato di gran lunga il migliore realizzatore del torneo con sei gol: gol-partita contro la Francia, tripletta contro la Svizzera e doppietta in semifinale contro la Turchia. Considerando anche le qualificazione, l’attaccante del Valencia CF ha messo insieme 14 gol, record assoluto del torneo.

Il presente elenco è stato stilato dai corrispondenti di UEFA.com che hanno seguito il torneo. Il Team Tecnico UEFA produrrà una propria lista ufficiale del torneo nel quadro della relazione tecnica sulla fase finale.