UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Ercan al lavoro dietro la regia di Terim

L’ex terzino della nazionale turca è al timone dell’Under 17 e lavora a un progetto più ampio che fa capo a Fatih Terim. A uefa.com ha parlato della fase finale dell’Europeo al via prossimament.

Abdullah Ercan (Turchia)
Abdullah Ercan (Turchia) ©TFF

Un anno fa la Turchia raggiungeva le semifinali del Campionato Europeo Under 17 UEFA organizzato in casa. Dopo essersi qualificata anche quest’anno per la fase finale, esordirà il 6 maggio contro la Germania, padrona di casa, a Erfurt. Abdullah Ercan, ex terzino sinistro della Turchia terza classificata al Mondiale FIFA 2002, è al timone dell’Under 17 da marzo. Ha superato con successo la Fase d’Elite e a uefa.com ha parlato delle sfide che lo attendono e dei prossimi avversari: Germania, Inghilterra e Olanda.

uefa.com: Le è stata affidata la panchina della Turchia dopo la qualificazione alla Fase d’Elite. Ha apportato modifiche alla rosa o agli schemi tattici?

Abdullah Ercan: Il Ct della Turchia Fatih Terim ha richiesto cambiamenti finalizzati alla creazione di uno stile di gioco coerente per tutte le squadre nazionali a partire dall’Under 15. L’allenatore in seconda della Turchia Metin Tekin ha assunto l’incarico di direttore tecnico delle nazionali Under 15, Under 16 e Under 17 per agevolare la comunicazione fra le selezioni giovanili e la nazionale maggiore. La prima cosa dopo la mia nomina è stata di introdurre gli schemi della nazionale maggiore: 4-3-3, 4-1-4-1 e a volte il 4-5-1. Siamo intervenuti sul centrocampo e l’attacco, lasciando invariato il reparto difensivo.

uefa.com: La Turchia ha vinto il Torneo Invernale in Israele, ha concluso al secondo posto quello di La Manga e infine ha vinto il proprio girone della Fase d’Elite. Significa che siete riusciti a trasmettere le vostre idee alla squadra?

Ercan: Abbiamo raggiunto soltanto il 30% dei nostri obiettivi. Non è stato facile perché la squadra veniva da due anni con un altro modulo. Siamo migliorati nei passaggi e nel posizionamento in campo, adesso dobbiamo concentrarci sulla finalizzazione. 

uefa.com: La Turchia ha dovuto battere la Finlandia per raggiungere la fase finale. Come mai avete faticato così tanto?

Ercan: Soltanto la prima squadra del girone si qualifica per la fase finale, e questo genera nervosismo nei giocatori. Inoltre, le prestazioni di ragazzi così giovani sono soggette a sbalzi repentini legati a problemi familiari o di cuore. Tuttavia, se analizziamo le nostre prestazioni, scopriamo che abbiamo creato molte occasioni da rete. Contro la Romania abbiamo colpito tre legni, e negli ultimi cinque minuti contro il Galles abbiamo mancato cinque palle gol chiare. L’ultima partita contro la Finlandia poteva finire 7-0. Siamo mancati nella finalizzazione.

uefa.com: Cosa le piace di più della sua squadra?

Ercan: Siamo imbattuti da nove gare: cinque vittorie e quattro pareggi. Questa è una squadra che non si arrende mai. Se subiamo un gol, reagiamo subito. Inoltre, il gruppo è compatto e armonioso. 

uefa.com: Cosa si aspetta da questa fase finale?

Ercan: Sono convinto che i giocatori saranno più sereni in Germania. Sei o sette componenti della squadra giocano in Germania e pertanto conoscono l’ambiente e sono abituati al clima. Ho fiducia nei miei giocatori. Quanto agli avversari, giocano tutti in modo simile alle nazionali maggiori. Fra le avversarie del girone abbiamo affrontato soltanto l’Olanda. L’Inghilterra è una squadra forte fisicamente, mentre sappiamo poco della Germania. La gara d’esordio contro la Germania sarà fondamentale, e ci aspettiamo molti tifosi turchi. Il primo obiettivo è vincere la prima partita, quindi raggiungere le semifinali, e infine vincere il torneo. Puntiamo anche a raggiungere il Mondiale Under 17 FIFA in Nigeria [con il terzo posto nel girone].