UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

L'Italia agguanta la vittoria in extremis

Italia - Croazia 2-1 dts
Davide Di Gennaro firma in extremis il gol della vittoria regalando all'Italia il terzo posto e la partecipazione al Campionato Mondiale FIFA Under 17.

Di Paul Saffer, dallo Stadio Comunale Libero Mansini

L’Italia prenota un posto per il Campionato del Mondo FIFA Under 17 dopo essersi piazzata al terzo posto nel Campionato Europeo UEFA Under 17, grazie ad un gol nei tempi supplementari firmato da Davide Di Gennaro.

Biglietto per il Peru
Al termine degli 80 minuti il punteggio era sull’1-1, dopo che al gol nella ripresa di Lorenzo De Silvestri aveva immediatamente replicato Nikola Kalinic, che in seguito avrebbe fallito un rigore. Quando ormai si profilava sempre più imminente la prospettiva dei calci di rigore Di Gennaro è andato a bersaglio, e la nazionale ospitante farà compagnia alle finaliste di oggi, Turchia e Olanda, in Peru, dal 16 settembre al 2 ottobre.

Santarelli dall’inizio
In considerazione della prolungata indisponibilità per squalifica del portiere Enrico Alfonso, oltre a quelle del centrocampista Ivan Castiglia, la UEFA aveva concesso all’Italia il permesso di convocare Simone Santarelli, schierato dall’inizio, mentre Marco Dalla Costa prende il posto di Andrea Russotto nel reparto offensivo. Anche nella Croazia si registrano novità, con Grgur Radoš al posto di Damir Vidovic e Stipe Glasovic di Milan Badelj, mentre la squalifica di un turno di Dejan Lovren lascia spazio a Saša Vukonic.

Tentativo di Foti
Santarelli viene subito chiamato al lavoro per neutralizzare una conclusione di Grgur Radoš. L’Italia opera un cambio nei primi minuti, mandando in campo Russotto, autore dei due gol realizzati dagli azzurri nelle gare precedenti nella fase finali. Prima dell’intervallo, comunque, sono numerose le occasioni su entrambi i versanti.

Parate decisive
Il secondo tempo si rileva più ricca di emozioni. Poco dopo la ripresa del gioco Ivan Kelava respinge un colpo di testa di Salvatore Foti, mentre sull’altro fronte Santarelli viene chiamato al doppio intervento prima su Grgur Radoš, e poi su Kalinic, sugli sviluppi della stessa azione. Per i due portieri, tuttavia, è vicino il momento della resa.

Un gol a testa
Al 60’, il capitano degli azzurri De Silvestri ha infilato di testa su angolo di Marco Mancosu. La Croazia, però, replica immediatamente. Krešo Ljubicic mette al centro per Kalinic che supera Santarelli.

Errore dal dischetto
Di Gennaro, ora in campo al posto di Foti, costringe Kelava al tuffo, e poco dopo il portiere deve intervenire per neutralizzare una conclusione di Dalla Costa. A sei minuti dal termine Kalinic irrompe in area, aggira Santarelli e viene atterrato dal portiere italiano. Dal dischetto, però, l’attaccante fallisce il bersaglio.

Di testa contro il palo
Russotto indirizza, poi, di testa sul palo raccogliendo un cross di Michael Cia, precedendo l’inizio dei tempi supplementari. L’Italia aveva perso la semifinale contro l’Olanda ai tempi supplementari, e anche ora la sua difesa viene colta di sorpresa, ma il colpo di testa Glasovic non procura danni. All’ultimo minuto Di Gennaro entra nell’area croata e conclude a rete con freddezza, assicurando all’Italia la presenza nel torneo in Sud America.