Jürgen Klopp e la Supercoppa: il Liverpool deve “rimanere affamato”.

Il tecnico del Liverpool, Jürgen Klopp, sulla “travolgente” serata di Madrid, sulla Supercoppa UEFA e sull’importanza di essere affamati.

MADRID, SPAIN - JUNE 01: Jurgen Klopp, festeggia il successo del Liverpool in finale di UEFA Champions League 2019 (photo by Michael Regan/Getty Images)
Getty Images

Com’è stato mettere le mani sul trofeo della Champions League?

Jürgen Klopp: è stato travolgente, ma toccare il trofeo non è una cosa così fondamentale nella vita. Vincerlo è quello che conta veramente.

Guardare gli altri stringere la coppa è stato bello perché in quei momenti riesci a capire cosa provano. Ho in mente tantissime fantastiche immagini che non dimenticherò mai e ovviamente una di queste è quando Hendo [il capitano Jordan Henderson] ha alzato il trofeo ed eravamo tutti insieme.

Il Liverpool campione d’Europa 2019
Il Liverpool campione d’Europa 2019VI-Images via Getty Images

Hai usato la frase “mentalità da giganti” riferendoti ai tuoi calciatori, e questa è stata la chiave per vincere la finale. Avendo vinto la competizione, immagino che i tuoi calciatori dovranno averla ancora.

Klopp: Sapere che qualcosa funziona ti aiuta a credere che funzionerà di nuovo, al 100%. Ciò aiuta quando provo a convincere i ragazzi che tutto è possibile. Grazie a Dio non sono l'unico nello spogliatoio a pensare che queste cose siano possibili e questo aiuta molto.

Dobbiamo riuscire a ricreare quell’atmosfera particolare. Sappiamo come fare: a volte iniziano i tifosi, mentre altre siamo noi a dare il via. Non è importante il come, l’unica cosa che conta è riuscirci.

Parliamo della prossima stagione. Hai detto che l’epilogo della passata non è stato un punto d’arrivo quanto un inizio. Come pensi di sfruttare quella vittoria nella nuova stagione?

Klopp: essere affamati è molto importante. Dobbiamo riuscire ad avere ancora fame di vittoria. Dopo la finale abbiamo avuto circa quattro settimane in cui tutti ci hanno fatto i complimenti ovunque siamo andati ed è stato fantastico.

È stato molto bello ma cose come queste rischiano di ammorbidirti e toglierti energie. Non siamo il tipo di squadra che può incorrere in questi rischi ma è una cosa che può capitare. Dobbiamo rifare quanto fatto nella passata stagione, aggiustando però alcune cose che non abbiamo fatto benissimo. Dovremo fare meglio.

Il Liverpool in allenamento
Il Liverpool in allenamentoLiverpool FC via Getty Images

La Supercoppa quest’anno si giocherà a Istanbul; quanto è importante dato il legame storico del club con questa città?

Klopp: la Supercoppa non è una competizione che ho mai amato troppo guardare in passato perché mi ero fermato spesso in finale [di Champions League o Europa League]. La Supercoppa è l’esame finale; se non giochi quella partita significa che non hai vinto la finale. Quest’anno invece è completamente diverso e non vediamo l’ora di giocarla.

Che tipo di partita ti aspetti? Ancora una volta sarà una finale tutta inglese come quella di Champions League. Pensi che sarà diversa?

Klopp: rispetto alla finale di Champions League? Sì, certo. Quella partita non è stata particolarmente entusiasmante perché entrambe le squadre sentivano tantissima pressione e il peso della coppa.

In alto