Sfida tra amici a Montecarlo

In occasione della gara di Supercoppa UEFA tra Barcellona e Shakhtar Donetsk, i tecnici Josep Guardiola e Mircea Lucescu metteranno da parte una lunga amicizia per 90 minuti.

Josep Guardiola (FC Barcelona) e Mircea Lucescu (FC Shakhtar Donetsk)
Josep Guardiola (FC Barcelona) e Mircea Lucescu (FC Shakhtar Donetsk) ©Getty Images

In occasione della sfida di Supercoppa UEFA a Montecarlo, il tecnico dell'FC Barcelona, Josep Guardiola, e l'avversario Mircea Lucescu dell'FC Shakhtar Donetsk metteranno da parte l'amicizia per 90 minuti.

Rispetto reciproco
I due si sono incrociati per la prima volta in Italia. Dal 2001 al 2003, Guardiola ha vestito due volte la maglia del Brescia Calcio e ha abitato nell'appartamento che era di Lucescu quando allenava il club negli anni '90. Da quel momento, hanno stretto amicizia. "Ci conosciamo molto bene, siamo diventati grandi amici e sono sicuro che lo resteremo - commenta Lucescu, alla guida della prima squadra ucraina a competere in Supercoppa UEFA dopo l'FC Dynamo Kyiv -. Lo rispetto molto come allenatore e spero che anche lui mi rispetti. Parleremo di nuovo in campo".

'Bello spettacolo'
Il tecnico rumeno, 64 anni, ha guidato lo Shakhtar alla vittoria della Coppa UEFA ma ammette che la gara di Montecarlo rappresenta un passo ulteriore per la squadra ucarina, che ambisce a rivincere la Supercoppa dopo la Dynamo nel 1975 contro l'FC Bayern München. "Con tutto quello che ha fatto l'anno scorso, il Barcellona è favorito, ma non avrà vita facile - commenta Lucescu, che potrebbe diventare il secondo allenatore a vincere due volte il trofeo dopo il successo con il Galatasaray SK nel 2000 -. Sarà un bello spettacolo, vedremo due squadre meravigliose con uno stile simile, grandi qualità tecniche e che amano giocare a calcio. Sono contento di essere di nuovo qui: lo Shakhtar ha un grande futuro".

Trionfi memorabili
Le squadre si sono incontrate la scorsa stagione nella fase a gironi di UEFA Champions League, vincendo una volta a testa fuori casa. Solo il Barça, però, ha raggiunto gli ottavi, mentre lo Shakhtar è passato in Coppa UEFA. Contro i blaugrana, la formazione ucraina può vantare due vittorie su sei confronti, compreso un 3-2 al Camp Nou lo scorso dicembre che Guardiola ricorda bene. "Siamo pronti e per noi è una grande sfida - dichiara il tecnico del Barcellona -. Loro ci hanno battuto la scorsa stagione e hanno fatto molto bene in Coppa UEFA. Poche squadre sanno dominare un incontro come lo Shakhtar. Lucescu e alcuni giocatori si conoscono da quattro o cinque anni e formano un gruppo unito".

'Nessuna garanzia'
I detentori della Champions League stanno per completare l'acquisto del centrale Dmytro Chygrynskiy dello Shakhtar. L'obiettivo più importante del tecnico, però, sarà vincere il sesto trofeo in meno di un anno dopo aver conquistato la Supercoppa spagnola contro l'Athletic Club Bilbao la scorsa settimana. "Negli ultimi 11 anni, i detentori della Coppa UEFA hanno vinto la Supercoppa sette volte - sottolinea Guardiola, la cui squadra ha vinto la competizione due volte ma nell'ultima occasione (2006) è stata battuta 3-0 dal Sevilla FC -. È una considerazione importante. Sarà molto più difficile di quanto si pensi e non ci sono garanzie, ma il mio lavoro è fare in modo di vincere".

In alto