UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Verso Italia-Bosnia: il sogno azzurro di Bastoni

Dopo la consacrazione all'Inter, il giovane difensore è pronto a farsi largo anche in nazionale: "La maglia azzurra un sogno".

Bastoni in conferenza stampa
Bastoni in conferenza stampa Getty Images

Ieri erano arrivati gli elogi di capitan Giorgio Chiellini, oggi si è presentato lui davanti ai microfoni dei giornalisti a tre giorni dalla sfida di UEFA Nations League contro la Bosnia Erzegovina: a 21 anni Alessandro Bastoni è già una certezza per la nazionale di Roberto Mancini.

"I nostri giovani difensori stanno crescendo tanto - aveva detto Chiellini -. E il migliore è qui. Bastoni è quello che è cresciuto di più, basta vedere la finale di Europa League. Passare dal giocare nel Parma, lo dico con rispetto, a una finale di quel livello in così poco tempo non è da tutti".

Bastoni con la maglia dell'Inter
Bastoni con la maglia dell'Inter


Non si scompone il giovane difensore. "Ringrazio Chiellini per le sue parole, è un grande piacere sentirsi dire queste cose da un calciatore come lui, che è in Nazionale da 15 anni. È mancino come me e l'ho studiato spesso per inserirmi nella difesa a tre di mister Conte".

Sembrava chiuso da giocatori come Skriniar, de Vrij e Godin a inizio stagione. Alla fine, invece, sono arrivate 33 presenze tra tutte le competizioni. E il ruolo da titolare inamovibile nella cavalcata dell'Inter fino alla finale di Europa League: "Questa stagione è stata fantastica per me. Se sono qui, devo ringraziare l'Inter e Antonio Conte. In pochi avrebbero avuto il coraggio di lanciare un ventenne in Serie A in una squadra importante come l'Inter".

Inter-Getafe 2-0 con lancio di Bastoni
Inter-Getafe 2-0 con lancio di Bastoni

Forza fisica, ma anche un piede sinistro educato e la capacità di innescare gli attaccanti con lanci precisi. In nazionale facile trovare modelli a cui ispirarsi. "Mi ispiro a Bonucci, per la sua maniera di impostare il gioco, e poi a Chiellini in quanto mancino nella difesa a tre".

Ma prima di tutto c''è il gruppo. Punto di forza della nazionale di Mancini che sta continuando a crescere. "Prima che giocatori, anche noi siamo tifosi: ciò che ci accomuna tutti è indossare la maglia azzurra. Tutti remiamo nella stessa direzione per far realizzare questo sogno".