L'Inter chiude l'era della UEFA Futsal Cup vincendo il quinto titolo

L'Inter FS è diventata la seconda squadra a vincere per due edizioni consecutive il trofeo; la quinta vittoria del club ha chiuso l'era della UEFA Futsal Cup.

L'Inter chiude l'era della UEFA Futsal Cup vincendo il quinto titolo
©Sportsfile

L’era della UEFA Futsal Cup si è conclusa nel modo più appropriato con l’ennesima vittoria (un record) dell’Inter FS.

Dopo 17 stagioni, quella del 2017/18 è stata l'ultima edizione della UEFA Futsal Cup prima del rilancio della competizione sotto il nome di UEFA Futsal Champions League. Di queste 17 finali, l’Inter ne ha vinte cinque, ovvero tre più di qualsiasi altra squadra. 

Il club spagnolo si è riconfermato campione nella finale di Saragozza vincendo 5-2 contro lo Sporting CP, stessa squadra battuta 7-0 nella finale di 12 mesi fa ad Almaty. L’Inter è diventata la seconda squadra appena a vincere per due edizioni consecutive la UEFA Futsal Cup, dopo i connazionali del Playas de Castellón nella stagione inaugurale del 2001/02 e poi nel 2002/03. Inoltre il club ha eguagliato il record del Playas di 13 vittorie consecutive in Europa.

Gli highlights della finale: Sporting 2-5 Inter
Gli highlights della finale: Sporting 2-5 Inter

Sebbene il rebranding della competizione debba ancora arrivare, il cambio del formato era già stato attuato in questa edizione. Per la prima volta, infatti, a tre nazioni era stato garantito l’accesso di due club – aumentato a quattro poiché i detentori dell’Inter si erano qualificati anche come vincitori del proprio campionato nazionale. Con questa modifica quindi sia Spagna che Portogallo, Russia e Italia avevano diritto a due rappresentanti nella competizione. Complessivamente ben 56 club (un record) si sono qualificati da 52 federazioni, compreso gli esordienti dell’Irlanda del Nord del Belfast United.

Il turno elite ha visto di fronte l'Inter con i due volte campioni nonché padroni di casa della finale del 2017 del Kairat Almaty, con gli spagnoli che si sono imposti per 5-3 in casa. I due volte campioni del Barcellona e i due volte vice campioni dello Sporting, come l'Inter, hanno raccolto nove punti accedendo alla fase finale ma la vera sorpresa è stata la qualificazione del Győr alla Final Four. Il suo successo è stato un trionfo per il tecnico Javi Rodriguez, tre volte campione della UEFA Futsal Cup da gocatore, scelto per guidare la squadra poco prima dell'inizio della stagione europea.

Gli highlights della semifinale: Inter 2-1 Barcellona
Gli highlights della semifinale: Inter 2-1 Barcellona

Con due squadre spagnole qualificate alla fase finale, la pratica di premiare un club per ospitare la Final Four è stata messa da parte. La scelta è infatti ricaduta su Saragozza, città equidistante da Barcellona e da Madrid (sede dell'Inter). Il Pabellón Príncipe Felipe ha sfiorato la capienza massima di 10.700 persone per entrambe le serate.

A metà tempo della prima semifinale, il Győr era sotto per 5-0 con lo Sporting, grazie anche alle due reti di Cardinal, desideroso di vincere un titolo europeo dopo aver saltato il trionfo del suo Portogallo a UEFA Futsal EURO 2018 per infortunio, nonostante i Leoni avessero comunque fornito alla squadra campione d'Europa a Lubiana, giocatori come Pedro Cary, João Matos, André Sousa e Pany Varela. Il Győr nel secondo tempo si è ricompattato ma alla fine è stato sconfitto per 6-1.

Gli highlights della semifinale: Győr 1-6 Sporting CP
Gli highlights della semifinale: Győr 1-6 Sporting CP

Tutti i riflettori nella serata delle semifinali erano però puntati sulla sfida tutta spagnola tra Inter e Barcellona, e le aspettative non sono state disattese. L'inter ha vinto per 2-1 con la doppietta di Ortiz (per il secondo anno consecutivo ha segnato la rete decisiva in semifinale) al quale ha replicato Esquerdinha. E così l'Inter ha raggiunto la terza finale consecutiva (l'ottava complessiva) eguaglianndo il record stabilito in due occasioni diverse dalla Dynamo.

Il Barcellona si è consolato con la vittoria nella finale per il terzo posto battendo 7-1 il Győr, mantenendo il record di almeno una medaglia in tutte e cinque le stagioni europee disputate. Con la tripletta, Esquerdinha ha portato il suo bottino della fase finale a quattro gol, eguagliando il proprio record stabilito nel 2015 da giocatore dell'ISK Dina Moskva.

La domanda adesso sorge spontanea: lo Sporting ha ridotto il gap con l'Inter rispetto al 7-0 di 12 mesi fa? Sì e no. Lo Sporting si è avvicinato ma ha comunque perso 5-2. Tra i marcatori dell'Inter, un ispirato Ricardinho ha segnato la sua ottava rete nella Final Four, eguagliando il record stabilito da Esquerdinha contro il Győr nella stessa giornata. L'Inter ha dedicato la vittoria al magazziniere Cecilio Rodríguez, morto il mese scorso, donando il trofeo alla vedova.

In alto