Inter - Rapid: storia della partita

I nerazzurri intravedono gli ottavi dopo la vittoria in casa del Rapid Vienna con gol di Lautaro Martínez.

Lautaro Martínez dopo il gol a Vienna
Lautaro Martínez dopo il gol a Vienna ©AFP/Getty Images

Dopo il terzo posto nel Gruppo B di UEFA Champions League, l'Inter ha la possibilità di riscattarsi in UEFA Europa League. I nerazzurri si preparano con ottimismo al ritorno dei sedicesimi in casa contro il Rapid Wien dopo la vittoria per 1-0 all'andata.

• L'Inter ha ceduto la qualificazione in UEFA Champions League al Tottenham Hotspur per la regola degli scontri diretti pareggiando 1-1 in casa contro il PSV Eindhoven alla sesta giornata, mentre gli Spurs hanno strappato un pari con lo stesso risultato in casa del Barcellona.

• Sette dei dieci punti del Rapid nel Gruppo G sono stati conquistati nelle ultime tre partite. Gli austriaci hanno infatti vinto le ultime due - in trasferta contro lo Spartak Moskva (2-1) e in casa coi Rangers (1-0) - qualificandosi come secondi in virtù degli scontri diretti dietro il Villareal.

Highlights: Rapid Wien - Inter 0-1
Highlights: Rapid Wien - Inter 0-1

Precedenti
• La partita a Vienna è stata decisa da un calcio di rigore trasformato da Lautaro Martínez al 39'.

• I due club si sono affrontati una sola volta in passato, ovvero al primo turno di Coppa UEFA 1990/91. In quell'occasione il Rapid ha vinto la gara d'andata in casa per 2-1, ma poi l'Inter ha passato il turno vincendo 3-1 ai supplementari al ritorno a San Siro grazie alla rete decisiva di Jürgen Klinsmann. Il gol di Jan Åge Fjørtoft del Rapid a Milano è stato l'unico subito dall'Inter nelle sei partite interne di quell'edizione, culminata con la vittoria.

• Quella vittoria nella gara d'andata contro l'Inter è stata l'ultima del Rapid contro avversarie italiani, appena la seconda in 22 partite (P5 S15). Da allora, il bilancio della formazione austriaca è di P3 S7, con due dei pareggi nelle partite più recenti - contro il Sassuolo nella fase a gironi di UEFA Europa League 2016/17 (1-1 in casa, 2-2 in trasferta). Il Rapid non ha mai vinto in 11 trasferte in Italia (P2 S9).  

• L'Inter è imbattuta in sette gare casalinghe contro squadre austriache, con sei vittorie: tra queste c'è anche quella nella finale di ritorno di Coppa UEFA 1993/94 contro il Salisburgo (1-0, risultato totale 2-0). I nerazzurri non hanno subito gol in quattro delle ultime cinque partite: l'unica rete è stata quella di Fjørtoft nel 1990.

Riepilogo sedicesimi #UEL: i gol più belli
Riepilogo sedicesimi #UEL: i gol più belli

Forma
Inter 
• Quarta in Serie A nel 2017/18, l'Inter è tornata in UEFA Champions League per la prima volta dal 2011/12. I nerazzurri, tuttavia, hanno interrotto la striscia di otto qualificazioni consecutive alla fase a eliminazine diretta nonostante le due vittorie iniziali (in casa contro il Tottenham e in trasferta col PSV), conquistando solo altri due punti nelle restanti quattro gare. La sconfitta con gli Spurs per 1-0 a Wembley, infatti, si è rivelata decisiva.

• La stagione europea più recente dell'Inter risale al 2016/17, quando non è riuscita a superare il girone di UEFA Europa League. Nelle due precedenti partecipazioni alla competizione, i nerazzurri non solo si sono qualificati alla fase a eliminazione diretta, ma hanno anche superato i sedicesimi sconfiggendo CFR Cluj nel 2012/13 (2-0 in casa, 3-0 in trasferta) e Celtic nel 2014/15 (3-3 trasferta, 1-0 casa).

• Tre volte vincitrice della Coppa UEFA (1991, 1994 e 1998), l'Inter è l'ultima formazione italiana ad essere stata campione d'Europa; i nerazzurri hanno vinto la UEFA Champions League 2009/10 dopo i trionfi del 1964 e 1965.  

• L'Inter non ha mai perso nelle ultime cinque gare europee interne, anche se ha pareggiato le ultime due dopo tre vittorie. In UEFA Europa League (qualificazioni incluse), il suo bilancio a Milano è V9 P4 S3.

• L'Inter ha passato il turno 15 volte su 16 dopo aver vinto fuori casa all'andata, e in quattro occasioni si è imposta 1-0 nella prima gara: l'occasione più recente è stata la finale di Coppa UEFA 1993/94 contro il Salisburgo. L'unica eliminazione risale al terzo turno di Coppa UEFA 1988/89 contro il Bayern Monaco: con Lothar Mathäus e Andreas Brehme in squadra, i nerazzurri hanno vinto 2-0 a Monaco ma hanno perso 3-1 a Milano.

Riepilogo gare di andata
Riepilogo gare di andata

Rapid
• Il terzo posto nella Bundesliga austriaca del 2017/18 è valso al Rapid il ritorno in Europa dopo un anno di assenza con la partecipazione al terzo turno di qualificazione di UEFA Europa League, dove ha superato lo Slovan Bratislava complessivamente per 5-2 prima di eliminare il FCSB negli spareggi, assicurandosi così la settima partecipazione alla fase a gironi - una in meno del Salisburgo che detiene ancora il record.

• In cinque di queste sei precedenti partecipazioni alla fase a gironi, il Rapid non è mai andato avanti. In questa edizione invece gli austriaci hanno superato per la seconda volta il girone nonostante i tre punti raccolti nelle prime tre partite e nonostante la sconfitta per 5-0 in casa del Villareal alla terza giornata. 

• La vittoria del Rapid in casa dello Spartak alla quinta giornata ha interrotto una serie di cinque sconfitte esterne. I prossimi ospiti dell'Inter hanno vinto appena due delle ultime 12 gare esterne in Europa, subendo otto sconfitte.

• Il Rapid è stato eliminato 10 volte su 11 quando ha perso la gara di andata in casa (quattro volte per 0-1). L'unica eccezione risale al secondo turno di qualificazione di Coppa UEFA 2004/05, quando ha vinto 3-0 sul campo del Rubin Kazan dopo una sconfitta per 2-0 a Vienna.

Cambiamenti rosa UEFA Europa League
• Inter
Inseriti: 
Cédric Soares
Esclusi: 
Šime Vrsaljko

• Rapid
Inseriti: Srdjan Grahovac, Leo Greiml, Ivan Močinić 
Esclusi: Jérémy Guillemenot, Christoph Haas, Aleksandar Kostić

Le più belle parate delle sfide di andata
Le più belle parate delle sfide di andata

Curiosità e incroci
• Christoph Knasmüllner del Rapid nel gennaio 2011 era nelle giovanili dell'Inter ma non essendo riuscito a passare in prima squadra, ha lasciato il club nell'estate successiva

• Valon Berisha, fratello del centrocampista del Rapid, Veton, gioca in Italia con la Lazio, anch'essa qualificata ai sedicesimi di UEFA Europa League.

• L'Inter è uno dei dieci club dei sedicesimi ad aver vinto Coppa UEFA o UEFA Europa League. Solo il Siviglia, con un record di cinque vittorie, ha sollevato il trofeo più volte.

• Nessuna squadra ha perso più partite di UEFA Europa League (dalla fase a gironi in poi) del Rapid (23). 

Calci di rigore
• Il bilancio dell'Inter ai rigori nelle competizioni UEFA è V2 S2:
5-4 contro Celtic, semifinale di Coppa dei Campioni 1971/72
3-4 contro Aston Villa, primo turno di Coppa UEFA 1994/95
5-3 contro Grazer AK, secondo turno di Coppa UEFA 1996/97
1-4 contro Schalke, finale di Coppa UEFA 1996/97

• Il Rapid non è mai arrivato ai rigori in Europa.

Allenatori
• Dopo una discreta carriera da giocatore, Luciano Spalletti è venuto alla ribalta come uno dei migliori allenatori italiani. Dopo la positiva esperienza all'Udinese, nel 2005 è passato alla Roma con la quale ha vinto due Coppe Italia e due premi di Miglior Allenatore della Serie A. Nel 2009 è passato allo Zenit, col quale ha vinto due volte il titolo, ma nel 2016 è tornato alla Roma piazzandosi al secondo posto in campionato. Nel giugno 2017 è passato all'Inter e alla sua prima stagione sulla panchina dei Nerazzurri, ha riportato il club in UEFA Champions League dopo sette stagioni di assenza.

• Dietmar Kühbauer è stato scelto come nuovo allenatore del Rapid il 1° ottobre al posto di Goran Djuricin, esonerato appena due giorni prima in seguito alla sconfitta interna per 2-0 contro il St Pölten di Kühbauer. Leggenda del Rapid da giocatore, l'ex centrocampista detto 'Didi' ha vinto la Bundesliga austriaca nel 1995/96, e ha raggiunto col club nella stessa stagione la finale di Coppa delle Coppe UEFA. Convocato 55 volte nella nazionale austriaca dal 1992 al 2005, la sua carriera da allenatore ha subito uno stop nel novembre 2015 dopo aver allenato Admira e Wolfsberg, salvo poi riprendere nell'aprile 2018 col St Pölten.

In alto