Vince l’Eintracht, serata incubo per la Lazio

A Francoforte, i Biancocelesti sono sconfitti 4-1 e chiudono la partita in nove per le espulsioni di Dušan Basta e Joaquín Correa: non basta il momentaneo pareggio di Marco Parolo.

C'è stato un errore durante la riproduzione del video

message

Prossimo video

  • La Lazio perde nettamente sul campo dell'Eintracht Francoforte nella seconda giornata del Gruppo H
  • I Biancocelesti - alla seconda sconfitta consecutiva - concludono la gara in nove uomini per le espulsioni di Dušan Basta e Joaquín Correa
  • Non basta il momentaneo pareggio di Marco Parolo per la squadra di Simone Inzaghi, che resta a quota tre punti
  • Tra i padroni di casa, a punteggio pieno, il difensore Danny da Costa realizza una doppietta; di Filip Kostić e Luka Jović le altre due reti
  • I prossimi impegni (giovedì 25 ottobre, ore 21.00CET): Eintracht Francoforte-Apollon Limassol, Olympique Marsiglia-Lazio


La Lazio esce con le ossa rotte dalla sfida del Frankfurt Stadion. In casa dell’Eintracht Francoforte, nella seconda giornata del Gruppo H di UEFA Europa League, i Biancocelesti sono sconfitti con un netto 4-1 e finiscono la gara in nove per le espulsioni di Dušan Basta e Joaquín Correa: una serata da dimenticare.

La squadra di Simone Inzaghi, opposta ai detentori della Coppa di Germania, ha rimediato la seconda sconfitta consecutiva dopo quella del derby, la quarta stagionale: un ko pesante, malgrado il momentaneo pari di Marco Parolo, il cui impatto è stato solo leggermente attutito dal pareggio dell’Olympique Marsiglia - prossima eurorivale - sul campo dell’Apollon Limassol.

La Lazio è costretta a rinunciare a Felipe Caicedo, febbricitante, ma non è l’unica brutta notizia per Inzaghi: pronti via, infatti, i padroni di casa passano in vantaggio. Su un corner, il difensore Danny da Costa trova la deviazione vincente e firma l’1-0 per i tedeschi; sono trascorsi appena quattro minuti.

I Biancocelesti reagiscono e Kevin Trapp è costretto agli straordinari: il portiere in prestito dal Paris Saint-Germain prima esce sui piedi di Correa, poi si salva con la punta delle dita sul destro di Ciro Immobile. Per la Lazio piove sul bagnato, perché dopo un contrasto Riza Durmisi si fa male a un braccio: al posto dello svizzero, entra Senad Lulić.

Al 23’, comunque, la squadra di Inzaghi pareggia. Correa indovina un ottimo assist per Parolo, che da posizione favorevole mette dentro: 1-1. L’equilibrio, però, dura appena cinque minuti: l’attaccante francese Sébastien Haller vince un contrasto con Lucas Leiva, Mijat Gaćinović tocca per Filip Kostić che con un tiro sotto la traversa non lascia scampo a Silvio Proto.

Prima dell’intervallo Inzaghi perde per espulsione Basta, punito con due gialli nel giro di dodici minuti: la Lazio è costretta a giocare tutto il secondo tempo in inferiorità numerica. Malgrado questo, la ripresa inizia con un’occasione per gli ospiti, ma Correa calcia alto da posizione favorevole.

Al 52’, però, arriva il tris della squadra di Adi Hütter. Haller lancia la ripartenza e scarica per Luka Jović, che scavalca Proto con uno splendido pallonetto: 3-1, il Frankfurt Stadion è in festa. I Biancocelesti sbandano e restano addirittura in nove per il rosso a Correa, punito dall’arbitro per un intervento da dietro su Jonathan de Guzmán, un passato con Napoli, Carpi e Chievo.

Manca mezzora, ma di fatto la partita finisce qui. Inzaghi fa esordire il kosovaro Valon Berisha, che prende il posto di Sergej Milinković-Savić; Immobile è l’ultimo ad arrendersi, ma non riesce a trovare la porta avversaria. Poi Proto, portiere di coppa della Lazio, è attento sul tacco di Haller.

Il finale è pirotecnico. Luiz Felipe ci prova invano con un destro dalla distanza, Proto si supera sul tiro ravvicinato di Marc Stendera, subentrato a De Guzmán. Ma nel quarto minuto di recupero arriva la doppietta del difensore Da Costa, che fa centro al volo sul secondo palo. La Lazio di Inzaghi vuole subito voltare pagina…

In alto