Roma quarta, poker anche della Lazio

A Udine, i Giallorossi vincono 4-0 malgrado l'espulsione di Fazio e scavalcano il Napoli: sblocca Zaniolo, in gol anche Smalling, Kluivert e Kolarov. Contro il Torino, la sua ex squadra, la doppietta di Immobile trascina i Biancocelesti.

©AFP/Getty Images

Udinese-Roma 0-4 (Zaniolo 13', Smalling 51', Kluivert 54', Kolarov 65' su rig.)
La Roma gioca una grande partita alla Dacia Arena, ottiene la seconda vittoria consecutiva in campionato e vola al quarto posto in classifica, scavalcando il Napoli. In casa dell’Udinese, i Giallorossi di Paulo Fonseca si impongono con un roboante 4-0, malgrado oltre un’ora in inferiorità numerica per l’espulsione di Federico Fazio: sblocca Nicolò Zaniolo, segnano anche Chris Smalling, Justin Kluivert e Aleksandar Kolarov su rigore. 

I Giallorossi vanno subito vicini al vantaggio con un tiro da fuori area di Javier Pastore, “rigenerato” dalla cura del nuovo allenatore, mentre al 14’ arriva il vantaggio: il “buco” di Samir libera Zaniolo, che solo davanti a Juan Musso lo trafigge di sinistro. Per il giovane Azzurro è il terzo gol consecutivo dopo quelli al Borussia Mönchengladbach e al Milan, il primo lontano dall’Olimpico con la maglia della Roma.

Al 33’ la Roma resta in dieci per l’espulsione di Fazio, punito dall’arbitro Massimiliano Irrati per una spallata all’ex Stefano Okaka Chuka. Ma in inferiorità numerica, nella ripresa, la squadra Giallorossa si scatena. Prima Smalling realizza il primo gol “italiano” sugli sviluppi di un angolo, poi con un’azione da manuale in ripartenza arriva il tris.

Pastora spacca in due la difesa dell’Udinese e serve Kluivert, che rientra eludendo l’intervento di William Troost-Ekong e fa centro di destro sul primo palo. Al 63’ arriva il poker, grazie a un rigore concesso per l’intervento di mano del brasiliano Rodrigo Becão: dal dischetto Kolarov non sbaglia, per il serbo è il quarto gol in campionato.

La Roma di Fonseca fa festa.


Lazio-Torino 4-0 (Acerbi 25', Immobile 33', 70' su rig., aut. Belotti 90')
Per la prima volta in campionato in questa stagione, la Lazio ottiene due vittorie consecutive. All’Olimpico, i Biancocelesti travolgono 4-0 il Torino e salgono a quota 18 punti, gli stessi del Napoli e uno in meno della Roma quarta in classifica. Ancora decisivo Ciro Immobile, sempre più capocannoniere della Serie A con la doppietta alla sua ex squadra. 

La squadra di Simone Inzaghi va alla conclusione in apertura con Felipe Caicedo e Danilo Cataldi, poi al 25’ arriva il vantaggio: sinistro, bellissimo, dalla lunga distanza di Francesco Acerbi e Salvatore Sirigu non può far altro che guardare il pallone infilarsi in rete. L’Olimpico esplode.

Otto minuti e arriva il raddoppio, propiziato da una palla persa da Simone Zaza: Luis Alberto lancia Immobile, che punta Nicolas Nkoulou e batte ancora Sirigu. A inizio ripresa la squadra di Walter Mazzarri colpisce la traversa con Andrea Belotti, dopo l’intervento di Thomas Strakosha sul bolide di Soualiho Meïté.

Ma al 70’ Caicedo si procura un rigore e causa l’espulsione di Nkoulou: Immobile trasforma, chiudendo di fatto la partita, e l’attaccante della nazionale - un ex - festeggia il gol numero 12 in Serie A. A chiudere il conto è l’autorete di Belotti.

La Lazio dà continuità alla vittoria del Franchi contro la Fiorentina e sale al quinto posto in classifica.

In alto