La Roma si sblocca, Lazio sconfitta

I Giallorossi battono il Sassuolo e festeggiano la prima vittoria in campionato: Mkhitaryan segna all'esordio, tre assist per Pellegrini. I Biancocelesti segnano per primi in casa della SPAL, che rimonta e vince 2-1.

©Getty Images

Roma-Sassuolo 4-2 (Cristante 12’, Džeko 19’, Mkhitaryan 22’, Kluivert 33’; Berardi 53’, 72’)
Al terzo tentativo, la Roma ottiene il primo successo in campionato. All’Olimpico, contro il Sassuolo, i Giallorossi vincono 4-2 grazie a un primo tempo superlativo: il nuovo acquisto Henrikh Mkhitaryan fa subito centro, ma brilla soprattutto la stella dell’ex Lorenzo Pellegrini, autore di tre assist. 

La squadra di Paulo Fonseca conquista subito un rigore, ma l’arbitro cambia idea dopo aver consultato il VAR. La partita, comunque, si sblocca al 12’: angolo di Pellegrini e colpo di testa vincente di Bryan Cristante. Francesco “Ciccio” Caputo segna ma il pareggio è annullato per fuorigioco, così al 19’ arriva il raddoppio della Roma.

Cross da sinistra di Aleksandar Kolarov e correzione vincente di Edin Džeko, al secondo gol in campionato. I Giallorossi giocano sulle ali dell’entusiasmo e trovano subito il tris: altro assist di Pellegrini e sinistro vincente sul primo punto di Mkhitaryan, che supera ancora Andrea Consigli.

Pellegrini, un ex, è scatenato e al 33’ firma il terzo assist: Justin KLuivert, preferito nell’undici iniziale a Nicolò Zaniolo, apre il piatto e firma il poker. Nella ripresa i ragazzi di Paulo Fonseca continuano a spingere: Pellegrini centra il palo, Džeko la traversa.

Poi si scatena il capocannoniere del campionato Domenico Berardi, che firma due gol, il primo con una punizione da manuale: in mezzo c’è il terzo legno dei padroni di casa, colpito da Gianluca Mancini. E’ troppo tardi per la reazione dei Neroverdi di Roberto De Zerbi, la Roma festeggia il primo successo stagionale in Serie A.


SPAL-Lazio 2-1 (Petagna 63', Kurtić 90'+2'; Immobile 17' su rig.)
Prima sconfitta in campionato per la Lazio. In casa della SPAL, la squadra di Simone Inzaghi segna per prima con un rigore di Ciro Immobile, ma nella ripresa subisce il ritorno dei padroni di casa vincono 2-1 grazie ai gol di Andrea Petagna e, in pieno recupero, di Jasmin Kurtić.

I Biancocelesti partono subito forte. Lucas Leiva impegna il portiere avversario Etrit Berisha, un ex, mentre Felipe Caicedo - schierato in attacco in coppia con Ciro Immobile - centra un clamoroso palo con il sinistro.

Al 17’, comunque, la squadra di Simone Inzaghi sblocca il risultato. Il VAR ravvisa un tocco di mano in area del difensore serbo Nenad Tomović e l’arbitro assegna un rigore, che Immobile trasforma con freddezza: per l’attaccante della nazionale è il terzo gol in campionato dopo la doppietta di Genova contro la Sampdoria.

Francesco Acerbi va vicino al raddoppio, prima che Berisha compia un grande intervento su Luis Alberto. Nella ripresa Thiago Cionek e Kurtić provano a suonare la carica per la formazione guidata da Leonardo Semplici, che al 63’ trova il pareggio: sugli sviluppi di un corner, la girata di Petagna non lascia scampo a Thomas Strakosha e vale l’1-1.

Inzaghi cerca un po’ di fantasia in attacco e si affida a Joaquín Correa, che prende il posto di Caicedo; entra anche Sergej Milinković-Savić, che rimpiazza Lucas Leiva. Luis Alberto sfiora il gol su punizione, ma nel recupero arriva la beffa per gli ospiti.

Kurtić, infatti, raccoglie una deviazione di Acerbi sul tiro del brasiliano Gabriel Espeto e batte Strakosha. Lo Stadio Paolo Mazza esulta, la Lazio deve incassare la prima sconfitta in campionato. 

In alto