Milinković-Savić entra e fa gioire la Lazio

Nella finale di Coppa Italia, il talento serbo entra e dopo tre minuti sblocca la partita di testa, prima che Correa stenda definitivamente l'Atalanta: la squadra di Inzaghi vince il trofeo per la settima volta e si qualifica alla prossima Europa League.

©Getty Images

Atalanta-Lazio 0-2 (Milinković-Savić 82', Correa 90')
Per la settima volta nella sua storia, la sesta negli ultimi undici anni, la Lazio trionfa in Coppa Italia. Allo Stadio Olimpico, nella finale contro l’Atalanta, la squadra di Simone Inzaghi fa sua la sfida nei minuti conclusivi, grazie alle reti realizzate da Sergej Milinković-Savić - appena entrato - e Joaquín Correa. Un successo che porta la squadra di Simone Inzaghi alla fase a gironi di UEFA Europa League.

La prima conclusione è della Dea con Alejandro Gómez, ma Thomas Strakosha blocca a terra il tentativo del Papu. Un tiro di Luis Alberto viene deviato in corner, poi un colpo di testa di Francesco Acerbi termina alto. Come il successivo del brasiliano Lucas Leiva.

La squadra di Gian Piero Gasperini si rende pericolosissima al 26’. Marten de Roon, con un tiro in area, colpisce il palo - con una deviazione di braccio di Bastos - poi un tiro dello stesso olandese viene respinto sulla linea prima che il colpo di testa di Duván Zapata termini a lato.

Una punizione di Luis Alberto termina alta, il primo tempo si chiude sullo 0-0. Nella ripresa è ancora l’Atalanta a spingere, ma Strakosha tiene il bolide del belga Timothy Castagne. Ciro Immobile, poco incisivo, lascia il posto a Felipe Caicedo, poi l’argentino José Luis Palomino è provvidenziale nella chiusura sul suo connazionale Correa.

Dalla parte opposta il Papu centra la parte esterna dell’incrocio dei pali con un cross. Al 79’ arriva la mossa decisiva di Inzaghi, che getta nella mischia Milinković-Savić - al rientro da un infortunio - al posto di Luis Alberto. Il serbo ci mette tre minuti per sbloccare la partita: corner di Lucas Leiva e colpo di testa vincente che batte Pierluigi Gollini.

Gasperini ordina un triplo cambio. Entrano Musa Barrow, Mario Pašalić e Robin Gosens, poi il portiere dell’Atalanta nega la gioia del raddoppio a Correa. Il Tucu si riscatta però al 90’ finalizzando un magistrale contropiede dopo aver saltato Gómez e Gollini. La Lazio di Inzaghi ottiene un grande successo, la squadra di Gasperini resta in corsa per il prestigioso traguardo del quarto posto.

In alto