Lazio ko di misura, Napoli a -6 dalla Juventus

Al San Paolo la squadra di Ancelotti vince 2-1 e si avvicina per il momento alla vetta, in attesa del Monday Night: segnano Callejón e Milik, ai Biancocelesti non basta Immobile. Espulso Acerbi.

©Getty Images

Napoli-Lazio 2-1 (Callejón 34', Milik 37'; Immobile 65')
Il Napoli supera di misura la Lazio e si avvicina alla Juventus. Al San Paolo, nel posticipo della 20esima giornata, la squadra di Carlo Ancelotti ha la meglio 2-1 e riduce per il momento a 6 punti il gap dalla vetta: a segnare per i Partenopei - orfani di Lorenzo Insigne, Marek Hamšík e Kalidou Koulibaly - sono José Callejón e Arkadiusz Milik, ai Biancocelesti non basta il guizzo di Ciro Immobile. 

Il primo squillo è della squadra di Simone Inzaghi, Sergej Milinković-Savić colpisce bene di testa sul cross di Lucas Leiva ma Alex Meret risponde con una parata super. Milik colpisce un palo clamoroso con una meravigliosa girata di sinistro sul cross di Mário Rui, poi centra un altro legno con un incredibile avvitamento di testa che Thomas Strakosha riesce a deviare.

Meret si rifugia ancora in corner sulla conclusione di Milinković-Savić, poi Inzaghi perde per un problema muscolare Luiz Felipe: al suo posto entra Bastos. Al 34’ il Napoli passa. La Lazio perde malamente un pallone in uscita, Dries Mertens premia l’inserimento di José Callejón che controlla e di destro fa centro sul primo palo.

Tre minuti e arriva il raddoppio. Il merito è di Milik, che trova un’altra meravigliosa traiettoria su punizione e mette il pallone dove né Strakosha né Lucas Leiva riescono ad arrivare: per l’attaccante polacco è il gol numero 11 in campionato. Nella ripresa i Biancocelesti si presentano con Joaquín Correa al posto di Jordan Lukaku e la loro manovra sembra trarne giovamento.

El Tucu si rende subito pericoloso in due occasioni, ma poi i Partenopei colpiscono il terzo legno della serata con una bordata dello spagnolo Fabián Ruiz. La partita è bellissima, Meret ha un grande riflesso sul destro ravvicinato di Immobile, poi arriva l’ennesimo legno, stavolta colpito da Callejón su lancio di Mertens.

Al 65’ la Lazio torna in partita. Correa, bravissimo, trova Immobile, Raúl Albiol gli concede un po’ troppo spazio e l’attaccante della nazionale con un preciso destro fa centro: anche per lui, come per Milik, è il gol numero 11 in campionato. I Biancocelesti sognano la rimonta, ma restano in dieci per l’espulsione di Francesco Acerbi.

Callejón ci prova di destro, poi Strakosha è attento sul tentativo dell’algerino Adam Ounas. Dopo 4' di recupero, arriva il fischio finale: il Napoli fa festa - è la terza vittoria consecutiva - e consolida il secondo posto, la Lazio scivola per il momento al quinto posto.



SABATO 19 GENNAIO

Inter
-Sassuolo 0-0
L’Inter deve accontentarsi del pareggio contro il Sassuolo e non riesce a ridurre il gap dal Napoli. A San Siro, nell’anticipo serale della ventesima giornata, la sfida tra i Nerazzurri di Luciano Spalletti e la squadra di Roberto De Zerbi finisce 0-0, davanti a quasi 11mila bambini.

I Neroverdi cominciano bene. Ci prova Domenico Berardi da fuori, che però non trova lo specchio della porta di Samir Handanović, poi Manuel Locatelli si inserisce dopo l’iniziativa di Kevin-Prince Boateng ma spedisce a lato in diagonale. I Nerazzurri rispondono con Matías Vecino, ma il colpo di testa dell’uruguaiano sul cross di Marcelo Brozović sfiora la traversa.

Handanović si salva su Berardi e Boateng, dalla parte opposta Andrea Consigli dice di no all’ex Matteo Politano. Un errore dello spagnolo Pol Lirola propizia l’inserimento di Vecino, che tuttavia non impensierisce più di tanto Consigli. Il primo tempo finisce a reti inviolate.

Nella ripresa l’Inter parte all’attacco. João Mário calcia sul secondo palo, ma Vecino non ci arriva; un’occasione colossale capita a Boateng, ma il colpo di testa dell’ex Milan sul cross di Locatelli esalta i riflessi di Handanović. Entra Radja Nainggolan, ma è provvidenziale Stefan de Vrij che “mura” la conclusione di Berardi.

Mauro Icardi, sul cross di Danilo D’Ambrosio, non trova di testa lo specchio della porta, poi è bravissimo Handanović che nel primo minuto di recupero si esalta su Jérémie Boga e Boateng. Finisce 0-0, l’Inter si porta a +7 sulla Roma ma resta a quattro punti dal Napoli.

In alto