Immobile salva la Lazio, il Milan sbanca Marassi

I Biancocelesti vanno sotto due volte a Cagliari, ma riescono a strappare un 2-2 grazie al gol capolavoro di tacco dell'attaccante della nazionale al 95'. Il primo gol del portoghese regala ai Rossoneri il successo sul campo del Genoa.

©Getty Images

Cagliari-Lazio 2-2 (Pavoletti 25', Barella 74' su rig.; aut. Ceppitelli 35', Immobile 90'+5')
La Lazio evita in extremis l’ottava sconfitta in campionato. Sul campo del Cagliari, la squadra di Simone Inzaghi Biancocelesti vanno sotto due volte ma riescono a portare a casa un 2-2 grazie a un gol capolavoro di tacco - al 95’ - di Ciro Immobile. Per il capocannoniere della Serie A è il 24esimo centro in campionato, il 34esimo stagionale con la maglia Biancoceleste. 

La Lazio punge due volte in avvio, con Dušan Basta e Luis Alberto. Ma al 25’ i sardi sbloccano il risultato. Sul cross del difensore belga Senna Miangue, Thomas Strakosha devia sulla traversa il colpo di testa di Han Kwang-song ma non può nulla sul tap-in fortuito, sotto misura, di Leonardo Pavoletti: per l’ex attaccante del Napoli è il settimo gol in campionato.

Ștefan Radu manca di un soffio la deviazione sul cross di Luis Alberto, ma a dieci minuti dall’intervallo i Biancocelesti pareggiano. Cross ancora dello spagnolo e sulla pressione di Lucas Leiva, Luca Ceppitelli mette di testa in tuffo alle spalle di Alessio Cragno.

Nella ripresa la squadra di casa ottiene un rigore grazie al VAR e Nicolò Barella trasforma dal dischetto. La squadra di Inzaghi sembra condannata alla sconfitta, ma nel quinto minuto di recupero - dopo l’errore di Nani - Immobile si inventa un gol incredibile con un colpo di tacco in pallonetto sul cross di Felipe Anderson e regala un punto alla Lazio.


Genoa-Milan 0-1 (André Silva 90'+4')
Il Milan ottiene in extremis la quarta vittoria consecutiva in campionato, la settima nelle ultime otto partite. A Marassi i Rossoneri piegano 1-0 il Genoa e volano al sesto posto a quota 47 punti, sei in meno della Lazio e a quattro dall’Inter: decide la sfida, al 94’, il primo gol in Serie A dell’attaccante portoghese André Silva, subentrato a Hakan Çalhanoğlu.

La prima conclusione è opera di Giacomo Bonaventura, ma il centrocampista non inquadra lo specchio della porta avversaria. Mattia Perin si salva in tuffo sul sinistro di Nikola Kalinić, poi il portiere neutralizza anche il tentativo di Çalhanoğlu. Il turco poco dopo manda alto di destro, come Nicolás Spolli dalla parte opposta di testa.

Vengono annullati due gol, quello di Bonaventura per i Rossoneri e di Luca Rigoni per i padroni di casa. La squadra di Davide Ballardini insiste, Ervin Zukanović è completamente solo ma di testa manda incredibilmente a lato.

Entrano Patrick Cutrone e André Silva, Suso non inquadra lo specchio della porta con un tiro e Franck Kessié prova invano a trovare lo spunto decisivo, trovando la buona guardia di Perin. Al 94’ arriva il gol decisivo. Cross del solito Suso, André Silva impatta benissimo il pallone di testa e fa centro. Gennaro Gattuso esulta, il suo Milan è prepotentemente in corsa per la UEFA Champions League.

In alto