Lazio super, il Milan batte anche la Roma

Sergej Milinković-Savić apre e chiude il conto con il Sassuolo, Immobile segna su rigore: a Reggio Emilia, i Biancocelesti vincono 3-0 e superano la Roma, ko 2-0 in casa contro i Rossoneri. In gol Patrick Cutrone e Davide Calabria.

©Getty Images

Roma-Milan 0-2 (Cutrone 48', Calabria 74')
Prosegue il momento d’oro del Milan. I Rossoneri di Gennaro Gattuso passano anche all’Olimpico contro la Roma e conquistano la sesta vittoria nelle ultime sette partite, riducendo a sei punti il distacco dai Giallorossi. Il posticipo della 26esima giornata finisce 2-0 per il Diavolo, a segno nella ripresa con due prodotti del suo settore giovanile: Patrick Cutrone e Davide Calabria.

Il primo spunto è di Cengiz Ünder, confermato titolare da Eusebio Di Francesco, ma Gianluigi Donnarumma riesce a mandare in calcio d’angolo. Poi ci prova Diego Perotti, ma il portiere della nazionale riesce ancora a sventare la minaccia; si rende pericoloso anche Patrik Schick, che costringe a un grande intervento il numero 99 avversario, ma l’attaccante ceco - preferito a Edin Džeko - è pescato in fuorigioco.

La Roma, anche se con poca velocità, insiste, Lorenzo Pellegrini va alla conclusione da fuori area ma non trova lo specchio. Il primo tempo si chiude con una ripartenza di Hakan Çalhanoğlu, ma Alisson riesce a parare. Nella ripresa, dopo tre minuti, il Milan passa in vantaggio: cross di Suso dalla destra, Cutrone “brucia” Kostas Manolas e con un tocco sotto misura batte Alisson. Per il 20enne attaccante è il sesto gol in campionato.

Perotti sfiora il palo alla sinistra di Donnarumma, Alisson si oppone al tentativo da fuori area di Franck Kessié mentre un diagonale di Çalhanoğlu termina a lato. Entrano Džeko da una parte e Nikola Kalinić dall’altra; è proprio il croato ad avere una grande chance, ma Alisson gli dice di no prima che Manolas riesca ad anticipare Alessio Romagnoli.

Il raddoppio, comunque, arriva a sedici minuti dalla fine. Lo firma un difensore, Calabria, che beffa Alisson con uno splendido tocco sotto sul servizio di Kalinić. Il Milan sfiora anche il tris con l'ex Fabio Borini, ma porta comunque a casa un successo importantissimo: Gattuso sembra aver trovato la quadratura del cerchio. La Roma, invece, viene fischiata dal suo pubblico.


Sassuolo-Lazio 0-3 (Milinković-Savić 7’, 47’, Immobile 31’ su rig.)
Prosegue il momento d’oro della Lazio. A Reggio Emilia, la squadra di Simone Inzaghi supera con un secco 3-0 il Sassuolo e salgono per il momento al terzo posto in classifica: il talento serbo Sergej Milinković-Savić apre e chiude il conto, in mezzo arriva il 32esimo gol stagionale in maglia Biancoceleste di Ciro Immobile.

La Lazio “bussa” dopo appena sette minuti. Felipe Anderson serve Milinković-Savić, il centrocampista calcia a giro e mette nel sacco: 1-0. Il raddoppio arriva intorno alla mezzora, quando - grazie all’ausilio del VAR - l’arbitro assegna il rigore per un tocco di mani in area di Federico Peluso. Dal dischetto, Immobile riesce a battere Andrea Consigli e realizza il 23esimo gol in campionato.

Khouma Babacar sbaglia un’incredibile occasione per riaprire la partita, poi a inizio ripresa i Biancocelesti chiudono definitivamente il conto. Cross di Felipe Anderson e colpo di testa perfetto di Milinković-Savić, che non dà scampo al portiere avversario.

La partita si incattivisce un po’ e Domenico Berardi viene espulso - ancora grazie al VAR - per un duro intervento su Ștefan Radu; qualche minuto dopo rimedia il rosso anche Adam Marušić, che colpisce al volto il brasiliano Rogério, mentre Thomas Strakosha compie un grande intervento su Claud Adjapong.

Luca Mazzitelli e Matteo Politano vanno vicini al gol della bandiera, ma la squadra di Inzaghi chiude con la porta inviolata e ottiene la sedicesima vittoria su 26 partite di campionato.

In alto