Tris e tre punti d'oro per l'Atalanta

L'Atalanta, prima nel Gruppo E, si impone con autorità contro l'Apollon e conquista altri tre punti fondamentali: decidono le reti di Iličić, Petagna e Freuler.

L'Atalanta sfodera un'altra convincente prova contro l'Apollon e mantiene il primato nel Gruppo E di UEFA Europa League: apre le danze Josip Iličić e, al momentaneo pareggio cipriota di Andrè Schembri, rispondono Andrea Petagna e Remo Freuler.

Gian Piero Gasperini si affida al suo collaudato 3-4-3, con Bryan Cristante schierato in mezzo al campo e il capitano Alejandro Gómez, in dubbio fino all'ultimo, in avanti al posto di Jasmin Kurtič.

L'Atalanta prende subito in mano il pallino del gioco, pressa bene i ciprioti e cerca con insistenza il gol, che non tarda ad arrivare. Al 12' Leonardo Spinazzola riceve palla sulla trequarti, si invola sulla fascia sinistra addentrandosi in area. Il suo rasoterra a tagliare è un invito a nozze per Josip Iličić, che da pochi passi non sbaglia.

La sfida è a senso unico, un monologo nerazzurro. I ragazzi di Gasperini giocano a ritmi alti, creano tanto ma sprecano troppo: prima Gómez calcia fuori dal limite, poi Petagna è impreciso da distanza ravvicinata e, infine, Freuler si fa ipnotizzare dal portiere ospite Bruno Vale.

Nella ripresa solito copione. Gli orobici si divorano subito due clamorose occasioni ancora una volta con Petagna e Gómez, entrambi troppo frettolosi e poco lucidi in fase conclusiva. Errori che costano caro all'Atalanta, punita alla prima vera chance dell'Apollon: al' 59' Antonio Jakoliš galoppa sulla fascia destra e scodella al centro un preciso cross per l'inzuccata vincente di Andrè Schembri.

Ma l'illusione ospite dura pochissimo perchè l'Atalanta, in una manciata di minuti, si riscatta: al 64' si sblocca Petagna, bravo ad anticipare tutti sul corner di Iličić, mentre due minuti più tardi è Freuler a firmare il tris atalantino e chiudere il match.

Nel finale l'Atalanta si limita ad amministrare la gara e, senza grossi sussulti, conquista altri tre punti d'oro. La qualificazione, per i ragazzi di Gasperini, è sempre più vicina.

In alto