Inter, una chance per salutare col sorriso

Già matematicamente eliminata dalla UEFA Europa League, l'Inter vuole chiudere l'avventura continentale con un successo contro lo sparta Praga. "Sarà un'occasione per tornare a vincere e onorare il torneo", ha dichiarato Stefano Pioli.

©Getty Images

Domani sera si spegneranno le luci sull'avventura continentale dell'Inter per la stagione in corso. I Nerazzurri sono già matematicamente eliminati dalla UEFA Europa League e la sfida contro lo Sparta Praga farà calare ufficialmente il sipario nerazzurro sul torneo.

Una partita senza spunti e senza stimoli, quindi? Al contrario. Secondo Stefano Pioli, quella di giovedì per l'Inter sarà un'occasione. L'occasione di chiudere in bellezza il Gruppo K e di regalare una gioia ai tifosi, ma soprattutto l'occasione per tornare al successo dopo brutto ko di venerdì contro il Napoli.

Un successo, dunque, rappresenterebbe un'iniezione di fiducia per una squadra che nella prima parte della stagione ha fatto degli alti e bassi il suo marchio di fabbrica. Con i secondi in netto vantaggio sui pr,imi. Pioli, da un mese esatto sulla panchina della Beneamata, punta a sfruttare la sfida contro lo Sparta per ripartire, correggendo la rotta e indirizzando la squadra verso acque meno impetuose.

"Domani avremo un'occasione - ha dichiarato il tecnico nerazzurro -. Quella di onorare una competizione europea, dal momento che finora non ci siamo riusciti e di dare spazio a chi ne ha avuto meno. Contro il Napoli abbiamo sbagliato approccio, ma io ho fiducia nella squadra. Bisogna tornare a vincere subito, già da domani sera".

Ma quali stimoli per l'Inter, ormai fuori dall'Europa e lontana dalle posizioni di prestigio in campionato? Ecco la risposta del tecnico: "Non è vero che è sfumato tutto, è sfumata solo l'Europa League. Siamo dispiaciuti, perché la squadra ha lavorato un anno intero per arrivarci e poi non è riuscita a superare il turno. Ma siamo solo a metà stagione e abbiamo le potenzialità per fare bene. Dovremo credere in noi stessi e lavorare duramente".

In alto