Paul Pogba: i primi passi di una stella

Paul Pogba ha lasciato la Juventus per fare ritorno al Manchester United e UEFA.com ha deciso di ripercorrere i suoi primi anni di carriera: il centrocampista francese è sempre stato un predestinato.

Paul Pogba ai Campionati Europei UEFA Under 19 del 2012 in Estonia
Paul Pogba ai Campionati Europei UEFA Under 19 del 2012 in Estonia ©Sportsfile

Paul Pogba ha fatto ritorno al Manchester United, il club che aveva lasciato nel luglio 2012 per accasarsi alla Juventus, e UEFA.com ha deciso di ripercorrere i primi anni di carriera del centrocampista francese. 

Campionati Europei UEFA Under 17 2010
Pogba viene convocato per la prima volta solo tre mesi prima delle fasi finali di EURO U17 2010, ma diventa subito un punto fermo. Confeziona l'assist per il gol francese nella sconfitta 2-1 subita contro la Spagna all'esordio, poi firma il gol-partita nel successo contro il Portogallo alla giornata 2. Pogba propizia un altro gol contro la Svizzera su calcio da fermo, quindi va nuovamente a bersaglio in semifinale contro l'Inghilterra, anche se la Francia esce sconfitta 2-1. 

Tom Kell, inviato di UEFA.com al torneo
E' stato il primo torneo giovanile che ho seguito per UEFA.com e Pogba è stato uno dei primi giocatori con cui ho parlato. La sua prestanza fisica mi colpì fin da subito e ricordo che bastava la sua altezza fuori dal comune per renderlo dominante sul campo. Non era ancora il portento di oggi, ma c'erano già tutti gli indizi che lasciavano intendere ciò che sarebbe diventato.

Pogba in azione in Liechtenstein nel 2010
Pogba in azione in Liechtenstein nel 2010©Sportsfile

Lui diceva...
E' sempre bello vestire la maglia della Francia e rivedere i compagni. Mi piace molto, soprattutto quando si vince. Discutiamo, scherziamo, ci divertiamo, magari siamo in sette in una sola stanza a ridere e scherzare. E' un ottimo gruppo, c'è una bella atmosfera all'interno della squadra.

Retrospettiva 2016: E' un bellissimo ricordo quello di aver affrontato grandi squadre come Inghilterra e Spagna a EURO. E' stata un'esperienza fondamentale per un giovane come me. Venimmo eliminati, ma io ho imparato tanto e quell'esperienza mi ha aiutato a crescere. Vestire la maglia della nazionale, difendere i colori della Francia, era sempre stato il mio sogno. 

Dicevano di lui...
Paul Pogba è un ottimo giocatore, ma quando è arrivato in Liechtenstein non era pronto, né fisicamente, né mentalmente. Quando è arrivato non era un giocatore funzionale per la squadra, ma abbiamo trovato una soluzione. [Contro il Portogallo] ha fatto ciò che mi aspettavo da lui, è stata la sua partita più bella di tutto l'anno.
Guy Ferrier, Ct Francia

Campionati Europei UEFA Under 19 2012
Capitano della Francia alle fasi finali 2012 in Estonia, Pogba comincia il torneo andando a segno su rigore nel successo 3-0 sulla Serbia all'esordio e trascina la sua nazionale in semifinale con un turno di anticipo. Contro la Spagna mette lo zampino nel primo gol, firma il terzo e trasforma un rigore nella serie finale dopo il 3-3 sul campo, ma la Francia viene comunque sconfitta 4-2. 

Pogba è stato il capitano della Francia a EURO U19 nel 2012
Pogba è stato il capitano della Francia a EURO U19 nel 2012©Sportsfile

Andrew Haslam, inviato di UEFA.com al torneo
Il trasferimento di Pogba dal Manchester United alla Juventus subito prima dell'inizio del torneo aveva già calamitato l'attenzione su di lui, poi le sue prestazioni sul campo hanno fatto il resto. Anche molti altri dei suoi compagni di squadra in Estonia sarebbero poi approdati ad altissimi livelli, ma già allora tutto girava intorno a Pogba e a alla sua riconoscibilissima chioma.

Lui diceva...
Abbiamo fiducia in noi, perché in questa squadra tutti possono sostituire tutti. Siamo un gruppo molto solido e qui non c'è spazio per giocatori di prima fascia e giocatori di seconda fascia. 

Ci piace molto stare insieme e quando non siamo in campo per una partita o per gli allenamenti trascorriamo il tempo in gruppo per rafforzare ulteriormente il legame. C'è uno splendido parco vicino al nostro albergo dove facciamo delle lunghe passeggiate. L'atmosfera è molto rilassata, l'ideale per un torneo. 

Dicevano di lui...
Parliamo molto, è uno dei leader del gruppo. Se ho un messaggio per la squadra, o se voglio sapere qualcosa di un giocatore che mi sembra in difficoltà, allora mi rivolgo a Paul. Il suo è un ruolo importante, in molti sensi. E' sempre al centro delle cose. E' un ragazzo pieno di gioia e sempre disponibile. Il suo più grande difetto è che dimentica spesso l'orologio e ha il cellulare costantemente spento. Sempre che non abbia di nuovo cambiato numero. 
Pierre Mankowski, Ct Francia

Coppa del Mondo FIFA Under 20 2013
Pogba si dimostra un capitano di grande carisma in Turchia, trascinando alla vittoria finale una squadra che poteva vantare giocatori del calibro di Kurt Zouma, Samuel Umtiti e Geoffrey Kondogbia. Pogba gioca tutte le gare della Francia tranne una, va a bersaglio nei quarti di finale contro l'Uzbekistan e segna il primo rigore della serie nella finale vinta dal dischetto contro l'Uruguay. Non stupisce, dunque, che a fine torneo il Pallone d'Oro adidas destinato al miglior giocatore del torneo vada a lui.

Pogba ha vinto il Pallone d'Oro alla Coppa del Mondo FIFA Under 20 2013
Pogba ha vinto il Pallone d'Oro alla Coppa del Mondo FIFA Under 20 2013©Getty Images

Lui diceva...
Mi sentivo molto concentrato. Non c'è bisogno di dire che alle fasi finali della Coppa del Mondo FIFA bisogna essere al meglio, soprattutto se tutti si aspettano molto da te. Fin dall'inizio, ero molto determinato a fare bene e penso che si sia capito fin dai miei primi tocchi di palla. Come ricompensa sono arrivato il trofeo della Coppa del Mondo Under 20 e il premio individuale. 

Più partite giochi, più inizi a capire il calcio e a prendere le giuste decisioni. Ecco ciò che fa la differenza tra un buon giocatore e un grande giocatore come Xavi, Andrés Inistea, Abou Diaby e Yaya Touré. So che per me c'è ancora molta strada da fare, ma ora sono semplicemente felice di aver vinto il Pallone d'Oro e la Coppa del Mondo Under 20. 

Dicevano di lui...
La sola presenza in campo del capitano della Francia bastava ad intimorire gli avversari. Le qualità di Pogba – dalla prestanza fisica, all'abilità nel tackle, alla corsa, fino alla capacità di leggere e determinare la velocità del gioco – lo hanno reso il leader indiscusso della squadra. Il centrocampista della Juventus ha inoltre ricoperto un ruolo fondamentale per il morale della squadra, incoraggiando i compagni innumerevoli volte nei momenti di difficoltà.

In alto