Andata degli ottavi: spunti di discussione

Le imprese di David de Gea e Marco Reus, la dimensione europea della Lazio e la difesa inaffondabile del Villarreal: i nostri reporter passano in rassegna tutti gli spunti più interessanti dopo l'andata degli ottavi di UEFA Europa League.

David de Gea ha evitato il tracollo al Manchester United
David de Gea ha evitato il tracollo al Manchester United ©AFP/Getty Images

De Gea tiene in corsa lo United
Il Liverpool è soddisfatto del 2-0 sul Manchester United, che rimane in corsa solo grazie alle imprese di David de Gea. Il portiere spagnolo ha compiuto una serie di parate, superandosi su Coutinho nel secondo tempo, e ha dato ai suoi un'opportunità per il ritorno della prossima settimana, purché gli attaccanti tornino a fare il loro mestiere.

Le solide basi del Villarreal
La formazione spagnola ha centrato cinque vittorie casalinghe su cinque in UEFA Europa League, non subendo gol per la quinta volta consecutiva. Solo l'Atlético Madrid ha una migliore difesa in Spagna. Nonostante i tentativi, il Leverkusen non è riuscito a superare il muro del sottomarino giallo: segnare due gol la prossima settimana appare un compito proibitivo.

Il solito Marco Reus
Dopo il gol contro il Porto ai sedicesimi, Marco Reus ne ha messi a segno due nel 3-0 contro il Tottenham Hotspur che ha portato la squadra di Thomas Tuchel alla soglia dei quarti. Entrambe le reti hanno evidenziato la sua tecnica sopraffina: prima ha battuto Hugo Lloris con una bordata sotto porta sul secondo palo, poi ha sfruttato un pregevole lancio a scavalcare insaccando di controbalzo.

Alex chi?
La partenza di Alex Teixeira (autore di 25 gol nella prima metà della stagione) sembrava aver compromesso irrimediabilmente le potenzialità offensive dello Shakhtar Donetsk, che invece ha reagito alla grande. Dopo cinque partite nel 2016, la squadra ucraina ha già messo a segno 13 reti con otto giocatori diversi. A farne le spese è stato l'Anderlecht, battuto 3-1.

Il Siviglia insegue il tris
Pur avendo perso quattro volte su quattro in trasferta in questa stagione, il Siviglia è sembrato a suo agio a Basilea, avvicinandosi ulteriormente al terzo trionfo consecutivo con uno 0-0. Il Basilea, però, non deve essere sottovalutato perché nel 2015/16 ha perso solo una volta su sei fuori casa in Europa, segnando sempre. Giocare la finale del 18 maggio davanti al suo pubblico è sicuramente il fattore più motivante per la formazione allenata da Urs Fischer.

Lazio bella di notte
Zoppicante in Serie A e fuori dalla Coppa Italia, la Lazio sembra aver trovato la sua dimensione ideale in Europa. Il pareggio in casa dello Sparta arriva dopo vittorie consecutive nel torneo. In questa stagione, i biancocelesti sono sempre stati arrembanti a livello continentale: un eventuale successo e un piazzamento in UEFA Champions League potrebbero zittire gran parte delle critiche.

In alto